Jute Gyte

Verstiegenheit

2011 (Jeshimoth) | experimental black-metal

Progetto solista di Adam Kalmbach, di stanza nel sud-ovest del Missouri, Jute Gyte è attivo nella scena black-metal più oltranzista e sperimentale da almeno un lustro, durante il quale ha pubblicato già un buon numero di dischi. “Verstiegenheit” potrebbe essere il suo lavoro più maturo, grazie a una scrittura relativamente più equilibrata. Dal galoppo “contenuto” di “Gates Of Day And Night” fino alla lacerante e gelida malinconia di “To Return And Revere The Desolate Places (Late Idyll)”, passando per i “vuoti” e i “pieni” di “Apparition in the Woodlands at Dusk”, la lugubre soundtrack di “Church Not Made With Hands”, le tentazioni hard-rock di “Emblem of Fertile Blood and Death” e la trascinante e "progressiva" “The Frailty Of Everything Revealed”, Kalmbach lancia dal sottosuolo un altro disperato SOS.

(15/05/2011)

  • Tracklist
1. Gates of Day and Night
2. Apparition in the Woodlands at Dusk
3. The Light That Hangs Above the Fields
4. Church Not Made With Hands
5. Emblem of Fertile Blood and Death
6. The Frailty of Everything Revealed
7. To Return and Revere the Desolate Places (Late Idyll)
Jute Gyte su OndaRock
Recensioni

JUTE GYTE

Perdurance

(2016 - Jeshimoth Entertainment)
La creatura di Adam Kalmbach nel suo gesto sonoro più radicale, tra black-metal microtonale, elettronica ..

Jute Gyte on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.