Manic Street Preachers

National Treasures

2011 (Columbia) | brit rock

Ogni band importante ha quasi il diritto di avere una raccolta che ne rappresenti in modo quantomeno accettabile il percorso artistico. I Manic Street Preachers, invece, non avevano ancora goduto di questo benefit, poiché l'unica compilation pubblicata prima di questa "National Treasures", ovvero "Forever Delayed" del 2002, conteneva canzoni che insistevano troppo sul lato più pop del gruppo, senza mostrare assolutamente le diverse sfaccettature stilistiche del repertorio dei Manics e la marcata evoluzione che non è mai mancata nei passaggi tra un disco e quello successivo. Inoltre, per far stare tutte le venti canzoni scelte in un unico cd, erano stati effettuati dei tagli piuttosto fastidiosi, in qualche caso ai limiti dell'inaccettabilità. Ora, per fortuna, la lacuna è stata colmata e "National Treasures", con i suoi due cd e trentotto brani messi in ordine rigorosamente cronologico, avrebbe senz'altro potuto fare meglio dal punto di vista della rappresentatività della storia del gruppo, ma svolge il compito in modo abbastanza esauriente.

Certo, si potrebbe dire che è facile illustrare al meglio il percorso di una band utilizzando un numero di canzoni così ampio, ma in certi casi allargarsi è l'unica via per far sì che una raccolta abbia una propria utilità. Tra l'altro, come si diceva, manca ancora qualcosa perché tutta quest'abbondanza sia la miglior sintesi possibile della carriera dei Manics. La scelta dei brani, infatti, è stata fatta esclusivamente prendendo quelli pubblicati come singolo e, si sa, così facendo si lascia sempre fuori qualcosa di importante. Visto l'ordine con cui i brani sono stati assemblati per dare vita alla raccolta, sembra corretto dividerli per album di appartenenza. Partiamo, quindi, evidenziando che l'esuberanza ribelle del debutto "Generation Terrorists" è ben esplicitata dai numerosi singoli tratti da quel disco, i quali sintetizzano perfettamente l'equilibrio tra sfrontatezza ed attitudine melodica che rende così interessante l'album in questione. L'Lp seguente, "Gold Against The Soul" è una sorta di raccordo tra "Generation Terrorists" ed il successivo "The Holy Bible" con in mezzo un'anima pop, ma le canzoni scelte evidenziano la suddetta anima ed il collegamento con il passato ma non quello con il futuro, per mostrare il quale sarebbe stato utile inserire una "Yourself" o anche la title track. "The Holy Bible", dal canto suo, trabocca di rabbia, frustrazione e depressione ed anche qui le sole tre canzoni presenti danno giusto un'idea dell'intensità emotiva propria del disco, ma non la esprimono pienamente. Inutile elencare le canzoni con la cui aggiunta sarebbe stato svolto al meglio questo compito, perché sono quasi tutte quelle escluse. "Everything Must Go" è il primo disco dei Manics in cui l'impronta pop è quella prevalente, e questa caratteristica è qui ben sintetizzata dai brani pubblicati come singolo.

Al di là dell'importante chiave di lettura sotto cui finora è stata esaminata la raccolta, non si può tralasciare la bellezza intrinseca delle canzoni e l'effetto provocato dall'ascolto di tanti brani di tale qualità uno in fila all'altro. Sotto questo aspetto, il cd 1 della raccolta, quello che si concentra sui primi quattro album, è splendido: non c'è una singola canzone meno che meravigliosa ed è impossibile decidere quale possa essere migliore rispetto alle altre. Un livellamento verso l'alto quasi unico, che rende questi diciannove brani tutti insieme un vero e proprio balsamo per l'anima. Il cd 2, ovviamente, non può competere in questo senso, però svolge meglio la funzione di rappresentare le tappe che prende in considerazione. Sono, infatti, evidenti dall'ascolto dei brani presenti sia i toni morbidi e la bontà del senso melodico complessivo di "This Is My Truth Tell Me Yours", che la varietà stilistica affetta da una certa discontinuità qualitativa di "Know Your Enemy" ("Let Robeson Sing" è indubbiamente la peggior canzone inclusa nella raccolta), che la vitalità del pop puro che caratterizza "Lifeblood", disco ben sintetizzato nonostante sia quello con il minor numero di brani presenti, solo due. Per quanto riguarda "Send Away The Tigers" e "Postcards From A Young Man", è ovviamente subito percepibile la loro attitudine radio friendly, ma dall'ascolto delle canzoni selezionate si coglie che, se a questi due dischi manca spessore sulla lunga distanza, i singoli hanno un loro perché se presi a piccole dosi. Purtroppo non c'è traccia di "Journal For Plague Lovers", poiché da esso non era stato estratto alcun singolo: manca, quindi, la memoria di quanto fosse riuscito il lavoro di recupero degli ultimi testi lasciati da Richey Edwards per un album che è l'unico degli ultimi tre che meriti davvero di essere ascoltato.

Anche nel cd 2, comunque, il livello qualitativo medio è più che soddisfacente ed in definitiva questa fotografia panoramica del repertorio dei Manic Street Preachers appare, nel complesso, riuscita, perché sono più i momenti in cui è fedele rispetto a quelli in cui non lo è e soprattutto perché è strapiena di ottimi momenti musicali in senso stretto. Attualmente si stanno rincorrendo diverse voci sul futuro della band, tra chi crede alle dichiarazioni secondo cui ci sarà una pausa di tre anni prima del ritorno e chi invece è convinto che esse nascondano la volontà di sciogliersi. In ogni caso di tesori tra le canzoni dei Manics ce ne sono eccome e questa compilation è un buon modo per scoprirne la maggior parte.

(14/11/2011)



  • Tracklist
Cd 1
  1. Motown Junk
  2. Stay Beautiful
  3. Love's Sweet Exile
  4. You Love Us
  5. Slash 'n' Burn
  6. Motorcycle Emptiness
  7. Theme From M*A*S*H (Suicide Is Painless)
  8. Little Baby Nothing
  9. From Despair To Where
  10. La Tristesse Durera (Scream To A Sigh)
  11. Roses In The Hospital
  12. Life Becoming A Landslide
  13. Faster
  14. Revol
  15. She Is Suffering
  16. A Design For Life
  17. Everything Must Go
  18. Kevin Carter
  19. Australia

Cd 2
  1. If You Tolerate This Your Children Will Be Next
  2. The Everlasting
  3. You Stole The Sun From My Heart
  4. Tsunami
  5. The Masses Against The Classes
  6. So Why So Sad
  7. Found That Soul
  8. Ocean Spray
  9. Let Robeson Sing
  10. There By The Grace Of God
  11. The Love Of Richard Nixon
  12. Empty Souls
  13. Your Love Alone Is Not Enough
  14. Autumnsong
  15. Indian Summer
  16. (It's Not War) Just The End Of Love
  17. Some Kind Of Nothingness
  18. Postcards From A Young Man
  19. This Is The Day
Manic Street Preachers su OndaRock
Recensioni

MANIC STREET PREACHERS

Resistance Is Futile

(2018 - Columbia)
I Manics tornano al proprio lato più radiofonico e adatto ai concerti da arena

MANIC STREET PREACHERS

Futurology

(2014 - Columbia)
Il trio gallese esplora nuove strade senza snaturare il proprio stile

MANIC STREET PREACHERS

Postcards From A Young Man

(2010 - Columbia)
I Manics tornano al loro lato pił pop, ma mancano ispirazione e vitalitą

MANIC STREET PREACHERS

Journal For Plague Lovers

(2009 - Columbia)
Il ritorno della band gallese, prodotto da Steve Albini

MANIC STREET PREACHERS

The Holy Bible

(1994 - Epic)
Testi al vetriolo e violenti inni elettrici per l'album maledetto della musica inglese anni Novanta

News
Live Report
Manic Street Preachers on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.