Radiohead

The King Of Limbs

2011 (Autoprodotto) | avant-pop-rock

Ormai ci hanno preso gusto: annunciare il disco in extremis, con modalità di acquisto del tutto particolari rispetto alla normalità. Si diceva che il seguito di "In Rainbows" avrebbe avuto un afflato orchestrale. E, a sentirlo bene, forse i rumors c'avevano preso, secondo tuttavia una prospettiva differente, riferita cioè a un concetto di orchestralità legato alle nuove declinazioni musicali.
Il quintetto, nel suo ottavo disco, intraprende una via non scontata né banale, che arricchisce la sua discografia di un lavoro ancora una volta differente rispetto ai precedenti. Non è un lavoro pop, non è elettronica, non è rock. Che cos'è, dunque, "The King Of Limbs"? È una via di mezzo di tutto, un mix nel quale possono rintracciarsi i Radiohead di sempre, seppur nel contesto di un gioco di ombre che rende questo disco forse il più misterioso e difficilmente inquadrabile della loro storia.

In un certo senso, in cuffia, "The King Of Limbs" è forse il disco che ci aspettava. Rimane poco della bellezza pop del disco precedente, qui si osa di più. Il sound è compatto e monolitico come non mai, senza tuttavia mancare volta per volta di variazioni sul tema. Perfetto incrocio tra la freddezza di "Kid A" e le languide scie di "Amnesiac", "The King Of Limbs" offre una sorta di rivistazione dell'uno-due di inizio decennio. Uno stile inconfondibile, nel quale fanno capolino da un lato cornici elettroniche (file under: Four Tet) e dall'altro personalissime e addolcite declinazioni dubstep (file under: Flying Lotus).

La marcetta iniziale "Bloom" racchiude perfettamente il senso dell'album: in bilico tra frastagliate linee ritmiche, superficiale freddezza e aperture alla Björk di "Debut" e "Homogenic". Il canto sinuoso di Yorke al solito si pone da contraltare rispetto alla struttura, creando un perfetto incrocio tra calore e distacco.
E se il frenetico incedere di "Morning Mr. Magpie" sembra uscito dalle outtake di "The Eraser", i primi istanti di "Little By Little", in quota "Half To The Thief", parlano il verbo dei Portishead, col canto che si fa lamentoso e strozzato. "Feral", più di ogni altra, porta alla memoria "Kid A", tra schegge ritmiche impazzite, improvvisi stop e conseguenti accelerazioni, in un moto non distante dal Four Tet più vivido. Fino a qui emerge una grande omogeneità, sotto la quale si nascondono soluzioni non facilmente catturabili a un primo ascolto.
Il singolo "Lotus Flower", giocato su beat serrato, organo e stupende linee vocali (che si riscaldano nel "ritornello") segna lo spartiacque del disco. Da qui è una discesa nel miele più dolce. "Codex" è episodio per piano, echi lontani e un senso di avvolgimento e calore che sfiora la perfezione, "Give Up The Ghost" è un'incantevole nenia per fiati e sovrapposizioni vocali in un incastro dolcissimo e celestiale. La conclusiva "Separator" richiama alla memoria il passo felpato di "House Of Cards", con un crescendo velatamente psichedelico.

Un disco breve - trentasette minuti - ma densissimo, forse il più introspettivo, difficile e granitico della loro storia.
Se la musica fosse matematica, i Radiohead sarebbero sempre un gioco a somma positiva.

(23/02/2011)



  • Tracklist
  1. Bloom
  2. Morning Mr. Magpie
  3. Little By Little
  4. Feral
  5. Lotus Flower
  6. Codex
  7. Give Up The Ghosts
  8. Separator
Radiohead su OndaRock

Monografia

Radiohead

Exit Music

Recensioni

RADIOHEAD

OK Computer OKNOTOK 1997-2017

(2017 - XL)
Special edition rimasterizzata con B-side e tre inediti per celebrare il ventennale del disco definitivo ..

RADIOHEAD

A Moon Shaped Pool

(2016 - XL)
Colpo di classe dei Radiohead con il loro disco più umano e intimista

RADIOHEAD

TKOL RMX 1234567

(2011 - XL Recordings)
Diciannove remix per le otto tracce di "The King Of Limbs", con Caribou e Four Tet fra i protagonisti ..

RADIOHEAD

In Rainbows

(2007 - XL Recordings)
L'ultimo disco di Yorke & c. sul web al prezzo scelto dagli utenti

RADIOHEAD

Hail To The Thief

(2003 - Capitol)

RADIOHEAD

Amnesiac

(2001 - Emi)

RADIOHEAD

Kid A / Amnesiac

(2000 - Capitol)

RADIOHEAD

Ok Computer

(1997 - Capitol)
La svolta di Thom Yorke e soci: dal pop degli esordi a un rock elettronico "totale"

News
Live Report


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.