Skullflower

Fucked On A Pile of Corpses

2011 (Cold Spring) | harsh-noise

Release molto più breve e dinamica rispetto al precedente monolite di “Strange Keys To Untune Gods' Firmament”, “Fucked on a Pile of Corpses” vanta, comunque, ancora un suono scostante e paurosamente abrasivo. Tra power-electronics bradi e ipotesi di melodie (!) più o meno minimaliste (“Hanged Man’s Seed”, “Viper’s Fang”), Matthew Bower e compari fanno un deciso passo indietro in termini di ispirazione, soprattutto quando stendono dinanzi a loro impenetrabili muraglie harsh-noise come “Defiling Their Temples With Bestial Lust”, “Anubis Station” e la stessa title-track.
Brani che potrebbero andare avanti per ore e ore, senza variazioni degne di nota. Merzbow, insomma, sarebbe entusiasta. Lo consigliamo, dunque, a lui e ai suoi adepti.

(10/07/2011)

  • Tracklist
1. Hanged Man's Seed
2. Viper's Fang
3. Defiling Their Temples With Bestial Lust
4. Anubis Station
5. Fairy Knife Hell
6. Tantrik Ass Rape
7. Sleipnir
Skullflower su OndaRock
Recensioni

SKULLFLOWER

Strange Keys to Untune God's Firmament

(2010 - Neurot)
Estatico, rovinoso, assordante, cacofonico: il ritorno della creatura di Matthew Bower

Skullflower on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.