Tennis

Cape Dory

2011 (Fat Possum) | beach-pop

"Cape Dory". Ovvero il racconto del lungo, amoroso e spensierato viaggio di una coppia lungo la East Coast, a bordo di una vecchia barca a vela, una Cape Dory per l'appunto.
Nasce così il debutto dei coniugi Patrick Riley e Alaina Moore, meglio conosciuti come Tennis. Il risultato è l'ulteriore aggiornamento di un'onda revivalista, che pesca nei sempre floridi anni 60 (tutto ciò che è surf-pop) ma anche nei girl-group degli anni Cinquanta. Melodie in bianco e nero, suggestioni marine in dieci cartoline, semplicità quasi impertinente, figlia di un romanticismo che rima con ingenuità. Mare e sole sempre sullo sfondo ed ennesima summa di tutto ciò che è vintage ma anche delle tendenze indie-recenti (riverberi malinconici indie-pop misti a effervescenze surf-pop, e un senso di leggerezza racchiuso in canzonette spesso sotto i tre minuti). Così che risulta possibile collocare i Tennis sullo stesso piano (pur con una minore personalità) delle varie Best Coast, Dum Dum Girls, Pipettes e così via, fino alle atmosfere dreamy dei Beach House.

"Cape Dory" pullula di motivetti facili e appiccicosi (ma a volte fin troppo leggeri), evocativi di sensazioni fanciullesche e di un'estate da tutti sempre attesa. Ed ecco quindi i balli in spiaggia sul groove simil-twist dell'iniziale "Take Me Somewhere", o sulle incantate e sdolcinate filastrocche ricche di coretti sguaiati di "Long Boat Pass" e "Marathon". Si ancheggia sul fuzz lo-fi di pezzi come la title track e "Baltimore", fino ai "lenti" di ballate malinconiche (ma forse un po' stucchevoli) come "Pigeon". Ci si addormenta infine leggiadri sui docili e liquidi arpeggi dreamy (eccoli i Beach House) di "Bimini Bay" e della conclusiva "Waterbirds".

Inutile utilizzare la parola derivativo con dischi come questi (dato che è proprio sul revival che si basano), tuttavia avrebbe certamente giovato a questi simpatici Tennis un lavoro più personale e incisivo, oltre che un pochino meno ripetitivo. Il risultato è comunque apprezzabile e gradevole in più punti. Anche perché una mezz'ora di romanticismo, sbarazzino o sonnacchioso che sia, non fa mai male.


(22/01/2011)

  • Tracklist
  1. Take Me Somewhere
  2. Long Boast Pass
  3. Cape Dory
  4. Marathon
  5. Bimini Bay
  6. South Carolina
  7. Pigeon
  8. Seafarer
  9. Baltimore
  10. Water Birds
Tennis su OndaRock
Recensioni

TENNIS

Ritual In Repeat

(2014 - Communion)
Patrick Carney, Jim Eno e Richard Swift attendono alla nuova creatura della band alt-pop

TENNIS

Young & Old

(2012 - Fat Possum)
Il sophomore dei coniugi Moore, a un solo anno da "Cape Dory", sotto la supervisione di Patrick Carney ..

Tennis on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.