Thee Oh Sees

Castlemania

2011 (In The Red) | weird-garage, psych-pop

Qualora i numerosi precedenti non avessero reso con adeguata chiarezza l'idea, “Castlemania” irrompe come prepotente dimostrazione che i Thee Oh Sees sono quanto di più distante in ambito rock alternativo dai concetti di allineamento e staticità.

 

Se nei primi lavori la band californiana si era fatta apprezzare per un suo stile peculiare e riconoscibile (l'incontro degli spigoli in bassa fedeltà delle chitarre con gli irresistibili ghirigori retrò portati in dote da Brigid Dawson), per poi approdare in dischi come “Help” a una formula di ragionevole compromesso e accentuata accessibilità, questo nuovo album sceglie di privilegiare la passione genuina ed incontrollata di Dwyer sacrificando tutte le altre variabili. Non è un caso. Come già in “Dog Poison” e, più tardi, in “Putrifiers II”, il vulcanico frontman cura in via esclusiva ogni dettaglio del disco, canta e suona praticamente ogni strumento (chitarre, basso, batteria, percussioni, tastiere, mellotron, synth, tromba, clarinetto, flauti e armonica) mentre resta invece marginale il contributo degli altri membri della band, con un paio di brani affidati alla voce della Dawson e poco o niente per i titolari Mike Shoun e Petey Dammit. Se come matrice si conferma il noise-pop leggerino già abbozzato a più riprese nel precedente “Warm Slime”, lo spirito è piuttosto quello da battaglia esibito in episodi meno accomodanti come “Zork's Tape Bruise” o il già citato “Dog Poison”. In comune con questi lavori si manifesta la tendenza, qui accentuata, ad incrociare stilemi surf-canzonettari e sonorità garage deteriorate innescando senza posa cortocircuiti kitsch a dir poco stranianti (“Pleasure Blimps”, “Whipping Continues”).

 

Proprio nei passaggi in cui l'easy-listening è assunto come pretesto poi puntualmente sconvolto dall'approssimazione e dal grottesco, dove le melodie sixties sono dirottate verso il più acido degli incubi (“Idea For Rubber Dog”) o compromesse da sporcature e inserti volutamente disturbanti, dove anche i depistaggi country-blues sono tradotti in neri esorcismi (“AA Warm Breeze”), va ricercato il piacere di una proposta tanto anomala, naïf e in fondo realmente spensierata. Sunshine Pop Album lo definisce con mirabile ironia la nota stampa, trascurando di rilevare come Dwyer sia da sempre un maestro nello svilire e nell'adulterare il nocciolo pop di ogni propria canzone. Per quanto le sonorità acustiche siano per una volta prevalenti, a lasciare un'impronta indelebile in “Castlemania” è il loro dirompente infrangersi sulla rutilante e sporchissima scogliera elettrica. L'incontro assume i contorni di una festa gioiosamente isterica, frastornante nella sua sistematica sconfessione di ogni riguardo espressivo, ed è plausibile che dietro scorci senza filtri come questi roboanti fracassi da due minuti e via abbia preso forma proprio il disco che Dwyer aveva in mente da un sacco di tempo: un album sfarfallante e felicemente rancido, infarcito di sinistre filastrocche affogate in un clima di generale sadismo sonoro e contaminate da un gusto a suo modo inquietante ed infantile (esemplare in tal senso “Corprophagist”).

 

Non mancano perle più limpide come l'eccentrica “Corrupted Coffin”, funerea popsong con melodia floreale imbastita dall'organo ed esaltata da flauti e tromba, anche se la palma del pezzo più rappresentativo spetta per forza al brano malatissimo che presta il titolo alla raccolta, fotografia sovraesposta dei Thee Oh Sees fieramente caotici del 2011. Soltanto sul finale la devianza è in parte riassorbita, con un terzetto di cover (da misconosciuti artisti di fine anni '60: Norma Tanega, West Coast Pop Experimental Band e gli olandesi Big Wheel) rese più accessibili ora dal contributo vocale di Brigid, ora da una preziosa velatura psichedelica stile “Magical Mystery Tour” (“If I Stay Too Long”, il passaggio più beatlesiano del disco).
Ospitata per Ty Segall, concittadino, discepolo e spirito affine. 

(22/03/2014)

  • Tracklist
  1. I Need Seed
  2. Corprophagist (a Bath Perhaps)
  3. Stinking Cloud
  4. Corrupted Coffin
  5. Pleasure Blimps
  6. A Wall, A Century
  7. Spider Cider
  8. The Whipping Continues
  9. Blood On The Deck
  10. Castlemania
  11. AA Warm Breeze
  12. Idea For Rubber Dog
  13. The Horse Was Lost
  14. I Won't Hurt You
  15. If I Stay Too Long
  16. What Are We Craving?
Thee Oh Sees su OndaRock
Recensioni

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Masterís Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
Thee Oh Sees on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.