Vetiver

The Errant Charm

2011 (Sub Pop / Bella Union) | alt-folk, songwriter

Quinto full lenght per il buon Andy Cabic e la sua creatura Vetiver, ormai affrancatasi dal protettorato di Devendra Banhart, alla secondo fatica per la gloriosa Sub Pop.
Se il substrato folk resta preponderante come in passato, la ricerca musicale del cantautore originario della Virginia ma trapiantato a San Francisco si spinge ormai verso molteplici direzioni, dal rock anni 70 fino alle contaminazioni elettroniche passando per il soul.

Un vagabondare affascinante, come afferma lo stesso Cabic nel titolo dell'album, che tiene a mente però una forte volontà di easy listening. Basta ascoltare il folk-pop buckleyiano dell'iniziale "It's Beyond Me" per mettere a fuoco questa spinta pop che preme dietro l'album. Spinta che però non porta Cabic ad appiattire la sua musica, ma anzi a svilupparla con l'aiuto di tastiere e drum machines, come diviene più evidente nei beat pieni e nei singulti sintetici sinuosi che chiudono la traccia. Una malinconia eterea e ariosa si fa strada in "Worse For Wear" e pare che il disco abbia già preso la sua piega.

Invece con il singolo "Can't Tell You" Cabic prende il soul, lo copre di lustrini, lo spedisce nel mondo dei sogni e lo riporta sulla Terra, deformandolo tra suoni fluorescenti e armonie anni eighties. Yo La Tengo e Fleetwood Mac si confrontano su terreni assolati in "Hard To Break", prima che "Fog Emotion" si immerga nel folk-pop dei tardi anni 80. "Right Away" apre il terzetto, completato da "Wonder Why" e "Ride, Ride, Ride", nel quale Mr. Vetiver torna dalle parti di un folk-rock più tradizionale, contaminato, specie per quanto riguarda l'ultima delle tre, da reminiscenze blues. C'è ancora tempo, però, per le idilliache dilatazioni della ballata post-folk-rock "Faint Praise" e per il folk spettrale e oscuro di "Soft Glass", che chiudono il disco pennellando landscape onirici.

Elusivo e inafferrabile, "The Errant Charm" spicca per una forte componente sperimentale all'interno dei confini al solito ristretti del folk. L'errabondo Cabic sembra andare a tentoni alla ricerca di qualcosa che ancora non pare aver trovato. Il viaggio continua.

(18/05/2011)

  • Tracklist
1. It's Beyond Me
2. Worse For Wear
3. Can't You Tell
4. Hard To Break
5. Fog Emotion
6. Right Away
7. Wonder Why
8. Ride Ride Ride
9. Faint Praise
10. Soft Glass
Vetiver su OndaRock
Recensioni

VETIVER

Tight Knit

(2009 - Sub Pop)
Andy Cabic ritorna alla scrittura di brani orignali, mantenendo il gusto dei classici folk-rock

VETIVER

Thing Of The Past/ More Of The Past

(2008 - Fat Cat)
Andy Cabic & C. rileggono alcune perle dimenticate di vari cantautori americani dei 70

VETIVER

To Find Me Gone

(2006 - FatCat Records)

Vetiver on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.