Zola Jesus

Conatus

2011 (Sacred Bones) | electro dark-wave

Ripulita, bianchissima, Zola Jesus è sulla copertina di "Conatus" un'apparizione quasi angelica. Non una scelta casuale, perché la formula, già in movimento verso soluzioni sempre più linde nei recenti due volumi di "Stridulum", sfocia in questi solchi in un sound che pur continuando a guardare agli anni Ottanta gotici (la solita Siouxsie su tutte) indossa una veste ancora più plastificata e laccata, con ritmiche non più marziali (con la punta disco di "Seekir") e una produzione che cerca di rendere il tutto volutamente più accessibile.

Resta il fatto, comunque, che i brani sono puro Zola Jesus-style, sostanzialmente legati a un'idea di dark-wave atmosferica e dalla venature dreamy, con la solita inquietudine che si annida nel profondo. In tal senso non è un caso che "Avalanche" (con gli archi suonati da Sean McCann e Ryan York) e il singolo "Vessel" aprano idealmente il disco, con le loro falcate solenni e un cupo umore fatalista. Un modo come un altro per mantenere la continuità con il passato, anche se il fuoco che si agitava oltre la "sporcizia" dei primi lavori sembra ormai irrimediabilmente destinato a spegnersi. Si può discutere quanto si vuole sulla qualità del suono, sul valore (aggiunto?) della produzione o sulla presunta volontà della Danilova di puntare direttamente al mainstream, tanto, alla fine, a mancarle è proprio il terreno sotto i piedi...

Esauritosi dunque l'effetto sorpresa (relativo, in ogni caso…), ascolto dopo ascolto va consolidandosi l'idea di un lavoro monocorde e poco ispirato che, in ultima istanza, rimugina sulle soluzioni del passato per reiterarle in una veste semplicemente più accettabile. Attraverso il techno-pop panoramico di "Hikikomori", i battiti electro di "Shivers", "Ixode" o di "In Your Nature" (che si agitano ora dentro un pulviscolo lontano di voci angeliche, ora oltre umbratili mareggiate di archi), i rintocchi pianistici e le sospensioni umorali di "Lick The Palm Of The Burning Handshake", la laguna intimista di "Skin" e una "Collapse" dai toni liturgici, si arriva alla fine anche con una certa stanchezza.
Non proprio un buon motivo per andare di repeat...

(27/09/2011)

  • Tracklist
  1. Swords
  2. Avalanche
  3. Vessel
  4. Hikikomori
  5. Ixode
  6. Seekir
  7. In Your Nature
  8. Lick The Palm Of The Burning Handshake
  9. Shivers
  10. Skin
  11. Collapse

Zola Jesus su OndaRock
Recensioni

ZOLA JESUS

Okovi

(2017 - Sacred Bones)
Il ritorno per Sacred Bones di Nika Roza Danilova, potente conversione pop delle spinte darkwave degli ..

ZOLA JESUS

Taiga

(2014 - Mute)
La definitiva trasformazione di Nika Danilova nel passaggio alla Mute

ZOLA JESUS

Versions

(2013 - Sacred Bones)
L'artista di punta di casa Sacred Bones rilegge nove suoi brani in chiave neoclassica

ZOLA JESUS

Stridulum

(2010 - Sacred Bones)
Sei nuovi brani per la musicista americana, nel solco del precedente "The Spoils"

ZOLA JESUS

Stridulum I I

(2010 - Souterrain Transmissions)
Una riedizione dell'Ep "Stridulum", ampliata per il mercato europeo

ZOLA JESUS

New Amsterdam

(2009 - Sacred Bones)
Il debutto della "next big thing" della Crimson Wave

ZOLA JESUS

The Spoils

(2009 - Sacred Bones)
Spaccati esistenziali in disfacimento nel disco-consacrazione di Nika Roza Danilova

News
Zola Jesus on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.