Beach House

Bloom

2012 (Sub Pop) | dream-pop

Forti del successo riscosso con l'ottimo "Teen Dream", Alex Scally e Victoria Legrand procedono spediti nell'addobbare la loro bella casetta sulla spiaggia, tra organetti vintage tirati a lucido e colori pastello a tingere le pareti. Accantonati poi i primi vagiti lo-fi esposti nei primi due album, con "Bloom" (quarto disco prodotto in sei anni) i due Beach House paiono essersi allegramente adagiati verso una brillante e talvolta minuziosa formula dream-pop. Ecco quindi subentrare una maggiore cura di ogni singola rifinitura. Mentre le melodie, rese ancor più fatate e leggiadre, sottolineano ancora una volta l'elevata capacità dei due americani di intrattenere l'ascoltatore mediante un neoromanticismo pop florido e ardente di passione.

Così, l'arpeggio introduttivo di "Myth" riprende là dove "Zebra" dava vita a nuove ascensioni armoniche, con la dolce Victoria ancor più sicura delle proprie capacità canore e ben ferma sugli acuti. Del resto, ai due piccioncini bastano pochi accordi per sedurre. E nonostante la presenza di un'apparente "ripetitività" di fondo, ogni canzone vira con garbo a una fluorescenza melodica puntualmente trepidante. Parimenti, in più di un'occasione salta fuori la sensazione di trovarsi a un'intima festa, dove ogni stanza è accuratamente adornata di fiori e palloncini da far esplodere allegramente al proprio passaggio, tra giochi di luce e sorrisi smaglianti. Le atmosfere celestiali assumono dunque una centralità ancor più assoluta e a ogni flemmatica partenza segue un'esplosione di gioia in cui poter cullare i propri sogni ("Wishes", "Lazuli"), con il buon Scally sempre più a suo agio nelle vesti dell'arrangiatore travestito da timido giullare. E anche quando pare subentrare un'insolita malinconia, è la consueta trasognata sospensione vocale della Legrand ad alleggerire lievemente gli umori ("Troublemaker"). Mentre la ninna nanna di "On The Sea" e la cullante "Irene" avvisano in coda che le celebrazioni stanno per concludersi ed è quindi giunta l'ora di aprire gli occhi, tornare alla realtà e alla vita di tutti i giorni, in un sublime incastro di velati gemiti, morbide spirali acustiche e calde effusioni ritmiche.

Se "Teen Dream" poneva le basi per un "nuovo" celeste cammino, "Bloom" ricalca a meraviglia una formula dream-pop mai così perfettamente riconoscibile, confermando appieno la bontà e le preziose doti compositive del duo di Baltimora.

(08/05/2012)

  • Tracklist
  1. Myth
  2. Wild
  3. Lazuli
  4. Other People
  5. The Hours
  6. Troublemaker
  7. New Year
  8. Wishes
  9. On The Sea
  10. Irene
Beach House su OndaRock
Recensioni

BEACH HOUSE

B-Sides And Rarities

(2017 - Sub Pop / Bella Union)
Raccolta di B-side e rarità disseminate lungo gli oltre dieci anni di attività dal duo ..

BEACH HOUSE

Thank Your Lucky Stars

(2015 - Sub Pop/ Bella Union)
Il secondo disco in due mesi per i protagonisti della scena dream-pop mondiale

BEACH HOUSE

Depression Cherry

(2015 - Sub Pop / Bella Union)
A tre anni da "Bloom", il quinto album degli alfieri del dream-pop contemporaneo

BEACH HOUSE

Teen Dream

(2010 - Sub Pop / Bella Union)
L'incontaminato stupore di un sogno ad occhi aperti consacra le oniriche modulazioni pop del duo ..

BEACH HOUSE

Devotion

(2008 - Carpark/ Bella Union)
Tenui e ardenti trame dream-pop dal duo di Baltimora

News
Beach House on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.