Comus

Out Of The Coma

2012 (Rise Above Records) | acid-folk, prog-rock

Che si voglia ricondurre il loro nome all'antica divinità greca Comus, legata alla forza seduttiva del caos e del disordine - da cui prende nome anche il "komos", corteo rituale consacrato all'ebbrezza alcolica e alla baldoria orgiastica - o alla masque concepita dal grande scrittore seicentesco John Milton, imperniata peraltro su una figura divina accostabile nel complesso alla suddetta, poco importa. Quel che interessa è che dopo ben trentott'anni di silenzio totale, escludendo le varie ristampe e la recente reunion dal vivo con una line-up praticamente invariata (spalleggiata dall'amico Mikael Åkerfeldt, leader degli svedesi Opeth, e immortalata lo scorso anno con la pubblicazione dell'ottimo "East Of Sweden - Live At The Mellobeat Festival 2008"), i Comus siano tornati a produrre musica.

"Out Of The Coma" è il prosieguo della breve vita di questa leggendaria band inglese, madre spirituale di quel folk oscuro che sarebbe poi stato ribattezzato "apocalittico" col sangue di David Tibet, e fa letteralmente il paio con "First Utterance" - il primo, memorabile album del 1970 - ponendosi al suo seguito senza soluzione di continuità e abbattendo il muro stilistico, di matrice decisamente pop, innalzato con l'allora mal salutato "To Keep From Crying", secondo e ultimo lavoro datato 1974.
A giudizio dello stesso Roger Wootton - mente, lead guitarist e vocalist dei Comus - l'idea di questo vero e proprio "risveglio" sarebbe nata dal forte desiderio di liberare quel "Prisoner" con cui si chiudeva "First Utterance", creando così con quest'ultimo uno stretto legame artistico-narrativo (d'altronde, basterebbe un semplice sguardo alle copertine di entrambi gli album, disegnate dallo stesso Wootton, per rendersene conto).

La percezione di questa prolungata assenza si annulla quasi del tutto con l'ascolto dell'opening/title track; il messaggio è già lì, nudo e crudo: "Out of oblivion, my dormant soul is shaking... Out of the coma, rising up from the tomb... Out of the coma, into a second lifetime". Con le vesti di un inno sofferto a una seconda esistenza, il brumoso - e magnificamente strutturato - folk pagano dei Comus torna a erompere dagli arpeggi e dalla versatile voce di Wootton, dalle dodici corde della chitarra di Glenn Goring e dai sospiri metronomici di Bobbie Watson in un turbine di bucolica frenesia medievale.
"The Sacrifice" è una struggente composizione ancestrale che nasce dal canto di sirena della Watson, per nulla sfiorito dal tempo, e che si consuma in un ritmo via via più concitato, dettato dal basso pulsante di Andy Hellaby, dal flauto simil-andersoniano di Jon Seagroatt (fiatista succeduto a Rob Young nel 2008) e dall'arco invasato di Colin Pearson; Wootton è lo sciamano dalla voce infervorata che presiede il rito immolatorio della "fairest maiden", offerta al "Signore della morte e della nascita". "The Return" è un lament in stile neo-folk che ammalia per le modulazioni della vocalist, quasi puerili in certi passaggi e sensualmente bisbigliate in altri, oltre che per l'incantevole oboe di Seagroatt.

"The Malgaard Suite", infine, è una preziosa testimonianza di quanto i Comus avrebbero potuto riservarci nell'immediato post-"Utterance" se le cose fossero andate diversamente (ovvero se la - all'epoca giovanissima - Virgin non avesse fatto pressione su di loro, al fine di ottenere un secondo album orientato ad atmosfere pop e dai brani con un minutaggio più contenuto, quale effettivamente fu "To Keep From Crying"). Riesumata dalle polveri di una registrazione amatoriale di un focoso live set all'Eynsford Village Hall, nell'estate del 1972, questa lunga pièce è la quintessenza - nonché la summa - di quel folk acido che ha avuto nei Comus il suo proverbiale "non-plus ultra": quindici minuti di possessione demoniaca ed estasi psichedelica che generano totale noncuranza verso la scarsa qualità della registrazione.

Un raro esempio, nel generale sensazionalismo che accompagna i numerosi ritorni sulla scena, di capacità creativa ancora lontana dall'esaurirsi.

(02/06/2012)



  • Tracklist
  1. Out Of The Coma
  2. The Sacrifice
  3. The Return
  4. The Malgaard Suite
Comus su OndaRock
Recensioni

COMUS

First Utterance

(1971 - Dawn)
Ebbrezza, violenza e perdizione nel rituale pagano di un caposaldo dell'acid-folk britannico

Comus on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.