Cult Of Youth

Love Will Prevail

2012 (Sacred Bones) | dark-wave

Avete letto bene: il neo-folk non interessa già più a Sean Ragon. Chiuso nel suo studio di registrazione come uno stregone nella sua torre, Ragon ha ideato e suonato praticamente da solo (a eccezione di batteria e violino) tutto questo "Love Will Prevail", il suo infuocato e rutilante tributo alla dark-wave degli Echo & The Bunnymen e dei Joy Division.
Strati di strumming acustico gonfiati di riverbero, uno stile di canto assai meno bellicoso, ma cavernosamente declamante - delle ambientazioni dello scorso omonimo rimangono solo i temi lirici, sempre improntati a un'incessante e cruenta guerra interiore.

Il risultato di questa commistione tra l'attitudine compositiva di Ragon, la sua esperienza pregressa e la nuova veste scelta per le sue canzoni porta in dote una grande dose di autoironia rispetto al più didascalico precedente, dato che le declamazioni drammatiche delle canzoni di "Love Will Prevail" vengono in qualche modo "edulcorate" da un genere forse ancora più teatrale e scenografico (con tanto di imitazioni Curtis-iane).
Ma c'è una certa dose di fascino in tracce come la sciamanica "The Gateway", che mostra un po' una sintesi di quanto realizzato dall'artista della East Coast nel disco: traccia in classico stile Bunnymen, una sorta di folk anfetaminico, sul quale la voce di Ragon pare ciondolare come un condottiero ubriaco, fino all'armonizzazione post-punk del ritornello e al drammatico finale, questa volta punk.

Sembrano invece dei Galaxie 500 esilarati, quelli della psichedelica "Prince Of Peace", mentre "Golden Age" saltella e barcolla come impazzita come in un disco dei Feelies. Stranamente addomesticata pare "Man And Man's Ruin" (addirittura con accompagnamento femminile e di fiati!), ma la voce di Ragon è pronta a impennarsi di nuovo nelle più classicamente Cult Of Youth (e alla Cave) "Garden Of Delights" e "To Lay With The Wolves".
Un riuscito esperimento di ibridazione e di revivalismo, che mostra una familiarità con la costruzione pop insospettabile per una band - meglio dire, un artista - come i Cult Of Youth ("It Took A Lifetime", il kraut-pop di "A New Way (Version)", la bossanova -!- di "New Old Ways").

(15/09/2012)



  • Tracklist
  1. Man And Man's Ruin
  2. Golden Age
  3. Prince Of Peace
  4. Garden Of Delights
  5. A New Way (Version)
  6. New Old Ways
  7. Path Of Total Freedom
  8. The Gateway
  9. To Lay With The Wolves
  10. It Took A Lifetime


Cult Of Youth su OndaRock
Recensioni

CULT OF YOUTH

Cult Of Youth

(2011 - Sacred Bones)
Il controverso lavoro del nuovo acquisto Sacred Bones, tra furore neo-folk e istinto punk

Cult Of Youth on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.