Gnod

Chaudelande Volume 2

2012 (Tamed Records) | hard-psichedelia, kraut space rock

Secondo volume di un'operazione che raccoglie materiale registrato in Francia lo scorso anno, questa nuova fatica del collettivo mancuniano spinge con ancora più decisione verso lidi hardelici, sommergendo la materia dronica sotto colate di distorsioni, voci filtrate e scansioni mastodontiche.

Il biglietto da visita si chiama "Man On Wire" (un omaggio al funambolo francese Philippe Petit?) che, dopo un'introduzione ritualistico-esoterica, si lancia in una poderosa cavalcata krauta, chiarendo che il sound si è fatto meno monolitico, più dinamico rispetto a un disco come "Science & Industry". Siamo dalle parti degli Hawkwind, ma con i Neu! a dire la loro nelle retrovie, mentre le chitarre si infiammano ed esplodono come supernove e i synth si smarriscono lungo galassie la cui colonna sonora è rappresentata da un inesausto, estatico rivolo di percussioni ("Entrance").

Un disco che aggiunge praticamente nulla a quanto gli appassionati di space-rock più o meno "hard", più o meno krauto conoscono. Eppure, mentre "Genocider" scorre grassoccia e visionaria (si ascoltino anche quelle manipolazioni in odore di dub...), è sempre un bel piacere chiudere gli occhi e abbandonarsi a tutto un mondo interiore fatto di stelle, pianeti e oltremondi.

(16/07/2012)

  • Tracklist
  1. Man On Wire
  2. Entrance
  3. Genocider
Gnod su OndaRock
Recensioni

GNOD

Infinity Machines

(2015 - Rocket Recordings)
Il collettivo inglese ritorna con doppio ambizioso, dando fondo a tutte le sue influenze

GNOD

Science & Industry

(2010 - Not Not Fun)
Dal collettivo di Manchester un trip attraverso i panorami sonori pił tipici del rock psichedelico ..




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.