Hot Chip

In Our Heads

2012 (Domino) | synth-pop, indietronica

Vedendo un soggetto come Alexis Taylor sembra di trovarsi davanti a un personaggio uscito direttamente da Big Bang Theory: un nerd occhialuto le cui passioni sono PlayStation, fumetti e Star Wars. Invece no: Taylor è un artista intelligente, che in quattro album ha avuto la capacità coi compagni di avventura di diventare uno degli alfieri di quel pop sperimentale che passa tra funky, dance e indietronica.
Sono ormai passati due anni dal synth-pop di "One Life Stand", e anche stavolta le attese sono tante: fino ad ora i lavori della band sono sempre stati interessanti, mai banali, esempi di varietà e compattezza in un connubio di elettropop e atmosfere sognanti. Ma è difficile, oggi, ricalcare le orme dei primi due album, e "In Our Heads" ne è la prova.

L'album è composto da due anime che si intrecciano con risultati non sempre esaltanti. La prima è frutto dell'audacità musicale della band: in "How Do You Do", ad esempio, le sonorità techno/house (sviluppate gradualmente dall'attività di disc jockey dei singoli componenti del gruppo, soprattutto da Joe Goddard, impegnato nel side-project 2 Bears) sembrano riprendere alcuni temi cari ai primi Daft Punk.
"Night & Day", il primo robotico singolo dell'album, stupisce pienamente grazie alla ventata di freschezza e lucidità che riesce ad esprimere, e da un momento all'altro sembra di trovarsi nel territorio di Pacman, intento a mangiare più puntini possibili nel famoso labirinto.

La seconda anima è più malinconica: in "These Chains" un tappeto dance molto anni 80, dai tratti chill-wave, fa da sfondo alla voce pensosa di Taylor - voce che però non convince altrettanto altrove. La ballata "Look At Where We Are" è l'emblema di questo lato più meditabondo dell'album, ma risulta stucchevole e perfino noiosa. Gli Hot Chip sono ancorati ai lavori precedenti, cercando di sposarne lo stile con sonorità più intime che però, almeno per ora, stentano a decollare in quanto a efficacia.

La fatica in studio di Taylor e compagni riesce comunque a creare un alone di interesse attorno a sé, e si attesta su un livello più che sufficente. Parlare di passo falso è dunque eccessivo, e sorge il sospetto che se non conoscessimo le capacità degli Hot Chip il giudizio sull'album potrebbe essere più alto. Da un gruppo di tale caratura, però, è obbligatorio aspettarsi qualcosa di meglio.
La speranza è che l'energia e la voglia di stupire del gruppo non stiano spegnendosi, impantanate tra un brillante passato che rende il presente un po' sfocato e un futuro ancora più indecifrabile ed enigmatico. Buona l'idea, meno l'esecuzione.

(08/07/2012)

  • Tracklist
  1. Motion Sickness
  2. Hoy Do You Do?
  3. Don't Deny Your Heart
  4. Look At Where We Are
  5. These Chains
  6. Night & Day
  7. Flutes
  8. Now There Is Nothing
  9. Ends Of The Earth
  10. Let Me Be Him
  11. Always Been Your Love
Hot Chip su OndaRock
Recensioni

HOT CHIP

Why Make Sense?

(2015 - Domino)
Sesto album per la band londinese, tra dolci conferme e primi segni di stanchezza

HOT CHIP

One Life Stand

(2010 - Parlophone Records)
La band britannica e il suo pop elettronico dalle colorature indie fashion

HOT CHIP

Made In The Dark

(2008 - Astralwerks / Dfa)
Terzo episodio e terzo centro per il coloratissimo combo britannico, che prosegue il suo cammino nel ..

HOT CHIP

The Warning

(2006 - Emi)

HOT CHIP

Coming On Strong

(2004 - Moshi)

News
Hot Chip on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.