Grischa Lichtenberger

And IV (Inertia)

2012 (Raster-noton) | abstract-techno, idm

Pochi sono probabilmente in grado di associare un particolare ricordo al nome di Grischa Lichtenberger.
Natio di Bielefeld e berlinese d'adozione, impegnato già da anni nel campo del multimediale, era stato lanciato nel 2009 dalla Raster-noton come portabandiera di un nuovo modo d'intendere il rapporto tra musica e immagine, in cui la seconda svolgeva il ruolo di “sfondo” per la prima, effettivo luogo della vita artistica. La testimonianza pratica di questa teoria (invero tutto fuorché rivoluzionaria) si era concretizzata negli spigoli ritmici dell'Ep “~treibgut”, già al tempo incapace di far gridare al miracolo.

Tre anni dopo, Lichtenberger arriva all'appuntamento del primo lavoro sulla lunga distanza: “And IV (Inertia)” non fa però che confermare il trend già espresso dal suo comunque valido predecessore. Dietro una descrizione dettagliata e complessa - incentrata sull'utilizzo e la manipolazione di field recordings e sul concept di un telescopio per neutrini – si cela infatti una proposta musicale fortemente ancorata al più classico standard della label tedesca, ma senza la forza necessaria per distinguersi.

Scendendo nel dettaglio, si possono rivedere nel sound dell'artista (e persino nei titoli) le coordinate che furono degli Autechre del dopo “Confield”, interpretate con i suoni della microelettronica post-glitch (Ryoji Ikeda, ma anche lo stesso Alva Noto): largo dunque ad autentici labirinti di ritmi in tempi dispari e geometrie mentaliste, nelle cui vene scorrono rivoli noise e disfunzioni aliene.
Che la base di partenza di Lichtenberger resti in ogni caso la techno risulta evidente da episodi come la marcia funerea di “12_11_13_lv_1_c” (che non sfiora però nemmeno da vicino le esplorazioni di Pangaea o Van Hoesen) e la rarefazione dub di “0112_01_st_rm”; ma l'interpretazione che il tedesco ne dà dista ben poco dai canoni più stereotipati dell'idm. A sostegno di tale tesi si schiera la maggior parte dei brani, fra i quali svettano l'allucinato trip di “1011_27_#5b”, l'inquieto requiem per robot di “0311_01 re 0510_24”, la parentesi dubstep di “0111_05_z red” e il disteso finale deep-dronico di “syslorot” e “ssfl”.

Il risultato, però, è ben lungi dal convincere, penalizzato da un'eccessiva frammentazione (21 brani, di cui una buona metà sotto i due minuti di durata) e da una sostanziale mancanza di personalità. Lichtenberger disegna le sue stanze con cura maniacale - come imposto da quell'estetica divenuta ormai trademark di casa Raster-noton – non riuscendo però nell'intento di interpretare le correnti a cui si ispira in maniera (troppo) evidente, e limitandosi a riciclarne le ambientazioni. Ne risulta il più classico dei prodotti con confezione luccicante e contenuto scarno.
Illusorio.

(09/11/2012)

  • Tracklist
  1. 1011_11_ss1
  2. 1110_01_lv_1b
  3. 0811_09_re_0211_08
  4. 1210_08_4+
  5. UU78
  6. 0112_01_st_rm
  7. 1011_27_#5b
  8. 0811_11_re_0411_08_mas_rm3
  9. rearr_re
  10. 0611_29_1b
  11. 1011_22_lv_1b
  12. 12_11_13_lv_1_c
  13. 0311_01 re 0510_24
  14. 0811_09 re 0611_29_lv_1b
  15. 1011_11104_v_re_61011s1b
  16. 66 audio
  17. globalbpm
  18. 0111_05_z red
  19. 91028_v1
  20. sysolrot
  21. ssfl
Grischa Lichtenberger on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.