LUIK

Owls

2012 (Snowstar) | slow-core

"Pieno di uno slow-core sussurrante dove le foglie sembrano cadere perennemente dagli alberi, le auto hanno sempre una gomma a terra e avere un passaggio sembra impossibile": con questa ironica (?) presentazione i LUIK, neonato gruppo olandese ancora edito presso la Snowstar, fanno il loro ingresso sulla scena dello slow-core più scheletrico e rarefatto, con motivi di spleen granitico in cui l'ironia non sembra effettivamente abbondare. Ricordano essi stessi, già, Low e Sparklehorse - e in questo risparmiano la fatica - ma poi i pezzi appaiono francamente un po' spenti, in un genere che dovrebbe reggersi, in teoria, su una tensione inespressa, su un'ansia, un'agone incessante di umanità.

Invece la musica di "Owls" è compatta, prevedibile, con questo continuo risuonare d'organo e i pizzichii di chitarra che riverberano in sottofondo. Il tentativo è nobile, ma il risultato è decisamente da rivedere.

(09/01/2012)



  • Tracklist
  1. All Of My World
  2. Brown Feathers
  3. We're Both Extermined
  4. Owls
  5. A Fool
  6. The Windows
  7. Spleen
  8. These Men May Grow
  9. By & By
LUIK on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.