LV

Sebenza

2012 (Hyperdub) | garage hip-hop, break-grime

Nel biennio che ha visto la definitiva affermazione del dubstep a discapito - fra gli altri e anche nel mainstream - di quell'hip-hop che aveva dominato le scene per tre anni buoni, una proposta originale e genuina ci arriva direttamente da casa Hyperdub - la label dubstep per eccellenza, nonché la principale responsabile dell'esplosione del genere.

Dietro il moniker LV si cela un terzetto di producer-beatmaker-remixer londinesi. Gente di pelle bianca ma nelle cui vene scorre sangue black, quello dei migliori interpreti americani - di Flying Lotus o di Prefuse 73 per intendersi -, che se ne uscirono l'anno scorso con un debutto affidato ad una forma di rap-recital con il chiaro intento di rappresentare una sorta di nuova frontiera, a metà fra il flow e lo spoken.
Freschi di approdo in casa Kode9, eccoli mettere da parte poeti e letterati - l'ospite del primo disco fu Joshua Idehen - per ingaggiare due Mc talentuosi e promettenti, dei quali il protagonista indiscusso è senz'alcun dubbio Okmalumkoolkat, leggi, per molti, "il nuovo Spaceape".

Così, i quattordici brani di cui l'album si compone sono altrettante fotografie, scattate con Reflex e treppiede, della Londra odierna, sbiaditi ritratti di una (oggi) metropoli da sempre grigia e uggiosa, che dai tempi della rivoluzione industriale non smette di puntare al progresso tecnologico senza però rinunciare a tradizione e radici storiche.
“Sebenza” abbraccia quindi il sound tipico dell'hip-hop, dimenticandosi di qualsiasi pacchianeria e soffermandosi su una fredda disamina di sintetizzatori vintage e (break)beat frenetici come i ritmi della città inglese, incastonati con sigillo ermetico nell'estetica 2-step più tradizionalista (la già citata "supercoppia").

La title track, con testo in inglese e sudafricano - lingua natia di Okmalumkoolkat – ed episodio più riuscito dell'intera scaletta, è il manifesto ideale per un lavoro che vive di una freddezza meccanica, ancor più marcata nelle discrepanze tonali di “Primus Stove” e nella marziale “International Panstula”.
Ma la contaminazione è da sempre caratteristica inscindibile dell'hip-hop, e i fedeli LV ne danno sfoggio in più parti: “Safe'n'Sound” è un quasi-freestyle in tempo dispari, “Zulu Compurar” volge lo sguardo alla tradizione sudafricana e “Spitting Cobra” è un intermezzo pseudo-chill-out memore del primo album.

Per contro, “Nothing Like Us” e “Thatha Lo” - entrambe con Ruffest a inanellare le rime - guardano con successo alle frontiere d'oltreoceano, rispettivamente rifacendosi al rap di periferia e saltando in pieno territorio tech-house e risultando, assieme al puro vintage di “Hustla”, unici episodi in cui il dubstep è lasciato da parte.
A concludere il largo spettro di valenze ci pensa la forma più pura di 2-step-hop, espressa al meglio in “Animal Prints” e, soprattutto, nel rilassato ed ipnotico recitato di “Work” ad opera Spoek Mathambo, altro talento di casa Goodman.

Album riuscito in tutte le sue parti, “Sebenza” coniuga al meglio tradizione black e versanti storici dell'hip-hop, aggiornandone i canoni senza destrutturarli ed applicando le intuizioni più lungimiranti della moderna scena elettronica. Al passo coi tempi, poco ma sicuro; ma forse anche oltre.

(25/09/2012)

  • Tracklist
  1. Sebenza (feat. Okmalumkoolkat)
  2. Animal Prints (feat. Okmalumkoolkat)
  3. DL (feat. Okmalumkoolkat)
  4. Limb (feat. Spoek Mathambo)
  5. Zulu Compurar (feat. Okmalumkoolkat)
  6. Hustla (feat. Ruffest)
  7. Nothing Like Us (feat. Ruffest)
  8. Thatha Lo (feat. Ruffest)
  9. Safe And Sound (feat. Okmalumkoolkat)
  10. Primus Stove (feat. Okmalumkoolkat)
  11. International Pantsula (feat. Okmalumkoolkat)
  12. Spitting Cobra (feat. Okmalumkoolkat)
  13. Work (feat. Spoek Mathambo)
  14. Uthando Lwakho (feat. Ruffest)


LV on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.