Max´mo Park

The National Health

2012 (V2) | brit-pop

A quasi tre anni dal loro ultimo disco, "Quicken The Heart", i Maxïmo Park di Newcastle - uno dei vessilli del movimento revival new wave dei 2000 - ci riprovano ancora una volta con "The National Health".
Nonostante un'introduzione di piano e archi quasi esistenzialista, "When I Was Wild", i techno-rock passatisti non intrigano minimamente, e anzi debordano nel solito tran-tran nu-wave: "Write This Down", "Hips And Lips", "Banlieue", tutti rifiniti nella produzione ma triviali nella composizione.

Già meglio i numeri di placido pop, come "Reluctant Love", con qualche grandeur di tastiere nel finale, "The Undercurrents", nella loro migliore vena scampanellante, "This Is What Becomes Of The Brokenhearted", una trenodia emotiva alla Manic Street Preachers, di nuovo con il piano - forse la migliore. Queste canzoni spiccano e salvano loro la faccia. Un gradino sotto sta "Wolf Among Men", in cui il synth aereo ripete il motivo come in un rosario, alla "Love Will Tear Us Apart" dei Joy Division, un party-pop almeno un po' appiccicoso. Dopo un refrain amabile di piano ("Take Me Home"), per non farsi mancare niente la band inanella anche un'elegia acustica come "Unfamiliar Places".

Post-punk al giulebbe per nuovi hipster dal ruolo poco chiaro: da una parte esercizi nuovi (la lezione retronuevo dei Pains Of Being Pure At Heart?) o reinventati (l'olografia degli Smiths) dall'altra impotenti episodi muscolari. Di fatto è un loffio concept politico, come lo reciterebbe Miss Universo, ma - è ovvio - importa di più notare verve e accelerazione, rimembranze del periodo d'oro, e un trasporto che appartiene alle sfumature crepuscolari di Paul Smith (a un paio d'anni dal suo solista "Margins"; V2, 2010). Band rivitalizzata, a metà. Primo disco non prodotto dalla Warp.

(24/06/2012)

  • Tracklist
  1. When I Was Wild
  2. The National Health
  3. Hips And Lips
  4. The Undercurrents
  5. Write This Down
  6. Reluctant Love
  7. Until The Earth Would Open
  8. Banlieue
  9. This Is What Becomes of the Brokenhearted
  10. Wolf Among Men
  11. Take Me Home
  12. Unfamiliar Places
  13. Waves Of Fear
Maximo Park su OndaRock
Recensioni

MAXIMO PARK

Risk To Exist

(2017 - Cooking Vinyl)
La band indie-pop svolta verso la funky-disco nel suo album più American-oriented

MAXIMO PARK

Too Much Information

(2014 - Daylighting)
Il "quasi convincente" ritorno della indie-band di Newcastle

MAXIMO PARK

Quicken The Heart

(2009 - Warp)
Il terzo album della formazione di Newcastle: ancora un miscuglio nervoso di pop e punk, infarcito di ..

MAXIMO PARK

Our Earthly Pleasures

(2007 - Warp)
La band di Leeds tra nostalgie anni 80 e crossover rock

Max´mo Park on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.