Musette

Drape Me In Velvet

2012 (Häpna) | instrumental pop, lo-fi lounge

Scrupoloso collezionista di nastri, autore di un meraviglioso esordio in forma di diario musicale, Joel "Musette" Danell ha ridato lustro all'idea di "arredamento sonoro" professata dal maestro Erik Satie. I suoi primi, pittoreschi motivi sembrano la resa sonora dei quadretti che si trovano tra le bancarelle di Montmartre, plasmati in una nostalgia e un "passatismo" (nel miglior senso possibile) così autentici da poter essere esposti nelle polverose teche di Leyland Kirby.

Meno di tre anni sono passati da quella inattesa rivelazione, eppure a separarla da "Drape Me In Velvet" risulta esserci un notevole divario stilistico. E' la copertina a parlare (sin troppo) chiaro da subito: l'artista indossa una veste più kitsch, e dal fascino di un immaginario pastellato - quasi filologico - arriviamo spediti ai giorni nostri; quella del nuovo album è una musica più consapevolmente d'ambiente, un'atmosfera "lounge" da tranquilla serata primaverile, la cui modesta varietà di registri non fa che confermarne la mera funzione d'accompagnamento.
Del suono da tradizionale carillon francese rimane soltanto un'eco compressa tra numerosissime contaminazioni: dal sognante baluginare di tastierine di stampo prog ("On The Green Tape") agli ornamenti di caute linee d'archi, dalle trombe cool jazz ("Wuzak") alle chitarre surf ("Tempelhof"). Solo i primi minuti di "Horse Thoughts" e l'ultima traccia sembrano ristabilire quel primo idillio dolce e spontaneo, momenti che nell'insieme dell'opera appaiono quasi fuori luogo.

Si tratta evidentemente di una poetica più artificiosa - il velluto del titolo è percepibile persino nella produzione ovattata -, un rimodernamento "piacione" volto ad ampliare il raggio d'interesse presso il pubblico. Nonostante le aspettative completamente deluse, gli spunti sono di per sé apprezzabili, talvolta giocosi, talvolta evocativi di una psichedelia amorosa e soft, come in un leggero inebriamento da cocktail. Chi si accontenta gode.

(26/02/2012)

  • Tracklist
  1. Coucou Anne
  2. Wuzak
  3. On The Green Tape
  4. Tempelhof
  5. Monsoon Moon
  6. Little Elvis
  7. My Everyday Balloons
  8. Night, Night, Night
  9. Horse Thoughts
  10. How To Behave In Elevators
  11. Fine
Musette su OndaRock
Recensioni

MUSETTE

Datum

(2009 - Tona Serenad)
L'esordio del pianista svedese, tra scenari d'autore e bucoliche evasioni

Musette on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.