Sandro Joyeux

Sandro Joyeux

2012 (Mr. Few) | afro-folk

Sandro Joyeux viene da Parigi. Mamma francese e papà italiano. Sandro è un ragazzo semplice, un musicista vero, uno di quelli che amano condividere tutto con il proprio pubblico, senza veli o misticismi. La sua musica affonda le proprie radici nel calore delle terre del sud, i suoi sogni appartengono alla strada, alla gente comune, ma soprattutto a mamma Africa.
Fin da ragazzo, Joyeux riesce spostarsi agilmente da un luogo all’altro, alternando dapprima Firenze e Parigi (con viaggi attuati rigorosamente in autostop) poi il Marocco (dopo aver esaurito in Francia l’esperienza con il suo primo gruppo reggae, i King’s Roots), dove apprende l’arabo e conosce la musica di Boubacar “Kar Kar” Traore, di cui riesce a suonare tutti i pezzi praticamente ad orecchio.

Siamo nella seconda metà degli anni Zero. Sandro suona ovunque: nei manicomi, nelle carceri, nei centri d’accoglienza. Fonda poi a Lille i 100Dromadaires. Ma il richiamo del continente nero è troppo forte. Vola dunque verso il Mali, terra di sogni infranti e tradizioni millenarie, interminabili conflitti e straordinari valori umani. Obiettivo Mandingue. Joyeux parte con la sua chitarra, alla ricerca di un universo sonoro a sé stante, lontano dai radar indipendenti transalpini e dalle mode, lontano da tutto e da tutti, in una sorta di Parigi-Dakar interiore. Di lì a poco seguono più di 300 concerti in giro per la Francia. Ritorna poi in Italia fortificando così la sua arte migratoria, confrontandosi giorno dopo giorno con diversi musicisti, tra cui Baba Sissoko, Daniele Sepe, Madya Diebate e la cantante Ilaria Graziano, i quali ne riconoscono fin dal primo momento l’immenso potenziale.
Insomma, il buon Sandro ottiene grande riconoscimento ovunque si trovi. Qualcuno se ne accorge (la Mr. Few Records) e decide di concedergli una possibilità anche su disco. Nasce così l’idea di dar vita al qui presente esordio omonimo, album in cui è possibile percepire appieno il suo inconfondibile modo di manovrare la cassa armonica come rullante e grancassa, o di lasciarsi cullare e sedurre da strumenti tipici locali come la calebbase e il tama.

Dunque, “Sandro Joyeux” è a pieno titolo un omaggio all’Africa. In esso la migrazione è intesa come forza interiore. Sviluppo e trasformazione. Arricchimento della mente e dell’anima. Le sue canzoni narrano di territori disagiati, ponendosi in più di un’occasione inquietanti interrogativi (”Ma quando impareremo che il nome di Dio cambia a seconda del paese?” tradotto da “Voleurs De Vie”), e riscoprono il fascino dell’essenzialità ritmica africana con goliardica irriverenza (“Sur Les Rives”). Prendono il sopravvento fantastiche riletture, vedi l’ivoriana “Premier Gaou”, o improvvise incursioni nell’universo sonoro maliano, con ospiti di grande spessore, su tutti Madya Diebate alla kora nell'esotica "Kémé Bourama". Ma il vertice di tale magistrale reinterpretazione risiede tutto nella commovente “Mariama”,  indimenticabile perla del grande Traoré.

Chi “soffre” del proverbiale mal d’Africa ritroverà in questo disco tante momentanee vie di fuga sonore capaci di colmare (seppur parzialmente) quel vuoto incolmabile formatosi al ritorno in patria. Qualcosa di estremamente viscerale e difficile da poter spiegare con la sola forza delle parole.

(15/02/2013)

  • Tracklist
  1. Niomiyiran
  2. Ancien Combattant
  3. Kingston
  4. Mariama
  5. Sa Golo
  6. Kémé Bourama
  7. Premier Gaou
  8. Zombie
  9. Sunu Societé
  10. Sur Les Rives
  11. Voleurs de vie
Sandro Joyeux su OndaRock
Sandro Joyeux on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.