Seamus Fogarty

God Damn You Mountain

2012 (Fence) | lo-fi avant-country, fingerpicking

God damn you mountain
give me back my t-shirts
(da "God Damn You Mountain")

Un Oldham ebbro e disadattato, un Johnston rurale: è difficile catalogare il mondo di Seamus Fogarty, incastrarlo a forza in una categoria, in una sensazione. Sensazioni che pervadono questo suo esordio, "God Damn You Mountain", e raccontano di un'infanzia perduta, e con questa l'innocenza che guida lo sguardo oltre la periferia e la solitudine - possibilmente verso una strada "dove crescono i meli", come in "Appletrees".
Stregato James Yorkston in una serata a Kilkenny, Seamus è stato presto incluso nel collettivo Fence, ambiente d'elezione per il cantautore irlandese, con compagni come King Creosote e lo stesso Yorkston.

La musica di Fogarty è però caratterizzata da forti componenti personali, da un afflato unico e vivido, che il Nostro ha sviluppato in ben due anni di composizione. Dall'ansioso e immaginifico country-blues di "By The Waterside", solcato da rivoli carsici e bizzarramente contrappuntato di strumenti che si fanno rumori - o viceversa - al curioso affastellarsi di ingranaggi di "The Undertaker's Daughter", a conquistare è l'istinto naturalistico di Seamus, più che il suo impianto concettuale.
A Fogarty interessa la vita, in tutte le sue sfaccettature, e non fa mistero di questo con un approccio stupito e disincantato al tempo stesso - si veda il testo della caustica "The Question".

Il risultato è un disco di grande intensità, sospeso in una vertiginosa contemplazione, come nel suggestivo concatenarsi di rumori e di semplici riff dell'invocazione di "The Wind", un field recording dell'anima che trova pieno compimento nell'epica sterminata di "Rita Jack's Lament", trionfo di un fingerpicking di purezza Fahey-iana, per quanto destrutturata.
È una poesia maldestra e commovente, quella di "God Damn You Mountain", una cronistoria mutilata e trasfigurata, secondo le correnti di un'irresistibile, trascendente tensione.



Appletrees



By The Waterside

(22/05/2012)



  • Tracklist
  1. Appletrees
  2. The Wind
  3. Dinny Phil's Walking Stick
  4. By The Waterside
  5. Rita Jack's Lament
  6. The Undertaker's Daughter
  7. God Damn You Mountain
  8. Little Mama
  9. The Question
  10. The Evening Lay Down Upon Us
Seamus Fogarty su OndaRock
Recensioni

SEAMUS FOGARTY

The Curious Hand

(2017 - Domino)
La consacrazione su Domino del cantautore irlandese, tra pulizia melodica e irrequietezza espressiva

Seamus Fogarty on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.