Seapony

Falling

2012 (Hardly Art) | alt-pop

Ultimi di una lunga serie di band che hanno dato vita per una ventina d’anni al popoloso sottobosco del twee-pop statunitense, i Seapony sono oggi una delle realtà più valide e interessanti a prendere l’eredità di gruppi come The Softies, Tiger Trap, Papas Fritas (giusto per citarne qualcuno fra tanti).
Basato a Seattle, il trio capitanato da Jenny Weidl e Danny Rowland non ha particolari novità da offrire al pubblico dell’indie-pop, ma può vantare una cultura retrospettiva più ampia della media e una freschezza di approccio che rendono il loro secondo lavoro “Falling” un album di sicura piacevolezza e buona fattura.

Non lontani dallo stile di una band di successo come i californiani Best Coast o da quello degli anglo-australiani Allo Darlin’, i Seapony disseminano le loro canzoni di rimandi ai sogni cristallini del surf, agli spigoli arrotondati del dream-pop, al melodismo caramelloso dei girl-group anni Sessanta, alla spontaneità lo-fi dell’indie-pop inglese (dai Talulah Gosh in giù, fino alle ultime reincarnazioni musicali di Amelia Fletcher), alle trame elettriche degli Smiths (sentite “Follow” ad esempio), legando il tutto con quel tocco femminile presente in fondo in quasi tutti i loro modelli vicini o lontani.

I dodici episodi di “Falling” si dipanano con grazia, senza scatti in avanti e senza cedimenti, nel loro schema aureo di three-minute-song, alternando e mescolando carezze acustiche ed elettriche moderatamente sature, soffici e intriganti jingle jangle e melodie di placida immediatezza (“Outside”, “Prove To Me”), momenti più atmosferici (“Fall Apart”) e altri di sbarazzina semplicità (“Tell Me So”, “What You Wanted”), con liriche di onesta e sentimentale malinconia.
Il risultato è un album non certo imprescindibile – così come non lo era il loro esordio “Go With Me” – ma sincero testimone delle buone capacità dei tre di Seattle e del loro approccio di artigianale e sorridente umiltà, che in fondo è il vero tratto distintivo (e apprezzabilissimo) dei Seapony.

(29/10/2012)

  • Tracklist
  1. Outside
  2. Tell Me So
  3. What You Wanted
  4. Follow
  5. Be Alone
  6. No One Will
  7. Never Be
  8. Sunlight
  9. Prove to Me
  10. Fall Apart
  11. See Me Cry
  12. Nothing Left
Seapony su OndaRock
Recensioni

SEAPONY

A Vision

(2015 - Self-released)
Terzo disco e primo autoprodotto per il duo indie-pop di Seattle

SEAPONY

Go With Me

(2011 - Hardly Art)
L'indie-pop chitarristico dagli accenti surf nel debutto ufficiale della band di Seattle

Seapony on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.