Silent Servant

Negative Fascination

2012 (Hospital Productions) | techno, minimal wave, post industrial

L’etichetta di Mr. Fernow aka Prurient aka Cold Cave aka Vatican Shadow è sempre stata lo specchio distorto della ricerca creativa, dell’evoluzione estetica del suo creatore: 
passando dai pogrom noise a litanie cavernose di sintetizzatori modificati, per poi affinarsi in sfumature più melodiche e plastiche o in sferraglianti recessi techno noise.

“Negative Fascination” è un disco figlio di questo ultimo periodo dell’etichetta, firmato da Juan Mendez, già da ricordarsi nel collettivo Sandwell District e anche nei primi Tropic Of Cancer.
 Due progetti, questi, che ben rappresentano anche la bivalenza di quest’opera, in bilico meccanico tra un’oscurità rarefatta e atmosfere elettroniche decise e taglienti, che tracimano senza incoerenza tra la techno più stridente e pattern minimali.


Anime diverse e quasi opposte si uniscono qui su ampi ponti ambientali dal respiro spaziale, per poi venire trafitti da respiri cigolanti post-industriali. Mendez ci presenta questa sintesi sin dall’introduzione di “Process”, un inquieto flusso di coscienza per particelle subatomiche liquefatte tra voci disperse tra vicoli notturni, che si biforcherà nelle successive “Invocation of Lust” e “Moral Divide”.
Due differenti autostrade kraftwerkiane qui si aprono all’orizzonte mentale di un ascoltatore circuito da spirali ritmiche prima ipnotiche ed ebefreniche, da drum-machine scarnificate e nervose, immerse dentro leggeri strati dark-ambient. Sarà “The Strange Attractor” a svelare l’identità più apparentemente dancey - ma altrettanto cacofonica e bipolare - di Silent Servant, un ottovolante tribal-techno destinato a rovinare su se stesso in un frastuono di lamiere e ingranaggi disumani lanciati nel vuoto (“Temptation & Desire”).

Si lascia così dietro un vuoto traumatico e psicotico momentaneo, che svela la nuda matematica, fredda cospirazione ritmica di un’opera dalla rara complessità. Capace di intrecciare e fondere impulsi mentali e muscolari in un’estetica negativa, "Negative Fascination" è pericoloso per la mente incauta che l'avvicina indifeso.

(15/10/2012)

  • Tracklist
  1. Process (Introduction)  
  2. Invocation Of Lust  
  3. Moral Divide (Endless)
  4. The Strange Attractor  
  5. Temptation & Desire
  6. A Path Eternal
  7. Utopian Disaster (End)
Silent Servant su OndaRock
Recensioni

SILENT SERVANT

CLR Podcast #155

(2012 - Clr)
Silent Servant in consolle alla corte di Chris Liebing per un bignami techno martellante di due ore

Silent Servant on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.