Trust

Trst

2012 (Arts & Crafts) | synth-pop, dark-synth

A fare un disco pop, di quelli belli, con le canzoni belle, si fa una fatica inumana. Inumana perché è difficilissimo indovinare la melodia, il taglio delle tastiere, la voce e inquadrare tutto il contenuto in un qualcosa che emerga, che abbia una forma e una direzione. Quando però si raggiunge una sintesi nascono i dischi non belli, ma bellissimi. È il caso di questo duo, Trust. Vengono dal Canada, Toronto. Lei - Maya Postepski - è già conosciuta alle cronache per far parte degli Austra, lui - Robert Alfons - è un illustre sconosciuto.
Siamo dalle parti del gruppo madre di lei, ma forse anche no. Synth ovviamente, a manetta; una centrifuga però molto più in punta di piedi rispetto al debutto degli Austra - molto fioretto, e un taglio in generale decisamente asciutto. È quel synth davvero molto old school, da rimpatriata tra vecchi amici con panini e coldwave. Il completino totally black non lascia spazio a fantasie di sorta: ancora una volta anni 80. Ma come si diceva c'è molto meno unto nell'aria e un gusto tanto minimale nelle strutture, quanto variegato nei colori che risaltano.

Ne esce fuori un disco estremamente omogeneo e giocato davvero sui giri di synth, impeccabili nel ficcarsi in testa indelebilmente. I testi ammiccanti viaggiano su un unico binario assieme a tastiere sinuose, giocate su saliscendi ora intrisi di una spirito decadente, ora romantici, ora luminosi. Anche se la sensazione di un disco che ruota attorno alle variazioni sul tema può affiorare, poi alla fine ci si abbandona davvero a un debutto di impatto non così diverso dal fu-esordio dei Cold Cave. Una sorta di altra faccia della medaglia: aggressiva e grintosa la band di Eisold, più timidi e misteriosi, a tratti quasi dream-pop, i Trust.

L'iniziale "Shoom" parla chiaro: beat deciso e poco tronfio, synth in salita e tono della voce distante e quasi isolato rispetto al pezzo, in un crescendo continuo ma mai esagerato. Le potenziali hit sono tantissime: "Dressed For Space", "Bulbform" vivissima fotografia, gli Absolute Body Control e i Depeche Mode che guardano da lontano, il profumo di mare lasciato alle spalle di "The Last Dregs", la bellissima maliconia autunnale di "Candy Walls", il vigore di una "Gloryhole" piuttosto che la sognante "Heaven". La lacrimevole "Sulk" - singolo di lancio - chiude le danze, chiude un cerchio, chiude tutto.

Forse monotematico, forse un po' statico, forse con un paio di pezzi di troppo. Fregarsene è la parola d'ordine, perché non so cos'altro possa servire, cos'altro si possa pretendere da un esordio. C'è tutto un campionario di emozioni per un disco che è un disco pop, ma anche no. L'importante è che ci sia una sola cosa, quella che conta: le canzoni belle.

(21/01/2012)



  • Tracklist
  1. Shoom
  2. Dressed For Space
  3. Bulbform
  4. The Last Dregs
  5. Candy Walls
  6. Gloryhole
  7. This Ready Flash
  8. F.T.F
  9. Heaven
  10. Chrissy E
  11. Sulk


Trust su OndaRock
Recensioni

TRUST

Joyland

(2014 - Arts & Crafts)
Giunto alla seconda prova, il carrozzone sintetico delle meraviglie arranca nel buio

Trust on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.