Wild Nothing

Nocturne

2012 (Captured Tracks) | dream-pop, new wave

Una "logica crescita": così Jack Tatum definisce "Nocturne", nuovo e secondo lavoro della sua band. Da one-man band da cameretta (questo è il primo disco registrato con una batteria vera e propria) a punta di diamante della Captured Tracks, la vera powerhouse del pop indipendente americano, in un solo disco, i Wild Nothing erano attesi al varco, ma di certo non interessati a cambiare troppo le coordinate del proprio sound. Per un convinto revivalista - tra i pochi artisti a rallegrarsi dei paragoni - come Tatum, comporre una canzone che potrebbe essere stata cantata da Robert Smith o dalla Fraser nel 1983 è un'aspirazione, più che uno spauracchio.
Da questo punto di vista, i fan del gruppo della East Coast non rimarranno troppo delusi, anche se il passaggio dal più ingenuo e diretto "Gemini" è sensibile e, forse, irreversibile.

Alla sublime urgenza di "Summer Holiday", infatti, risponde qui la più patinata e volubile "Shadow", un elegante volteggio con tanto di Morrissey-ano accompagnamento d'archi. Più nello specifico, un po' tutto di quanto c'era in "Gemini" si ritrova in "Nocturne", ma privato di emotività, quasi svuotato.
Le doti di cantautore di Tatum non sono in discussione - anche se minori sono i numeri più strettamente indie-pop, come "Disappear Always" e "Only Heather". Alcune soluzioni non impressionano però per freschezza, come la chiusura alla Cocteau Twins di "Rheya", o i Cure di "The Blue Dress".

Un po' è anche il sound a essersi ispessito e uniformato, soprattutto nelle parti di chitarra solista, con il frequente ricorso a riff rotondi come guida principale delle canzoni.
Tatum riesce però a trovare qualche colpo da fuoriclasse, come i sincopati ritmi seventies della bella title track e di "This Chain Won't Break", regalandoci un disco che rimane, però, soddisfacente solo parzialmente.

(31/07/2012)



  • Tracklist
  1. Shadow
  2. Midnight Song
  3. Nocturne
  4. Through The Grass
  5. Only Heather
  6. This Chain Won't Break
  7. Disappear Always
  8. Paradise
  9. Counting Days
  10. The Blue Dress
  11. Rheya
Wild Nothing su OndaRock
Recensioni

WILD NOTHING

Life Of Pause

(2016 - Captured Tracks)
Il nuovo disco di Jack Tatum con le sue elaborate e vacue scenografie vintage

WILD NOTHING

Empty Estate

(2013 - Captured Tracks)
Il nuovo Ep di Jack Tatum vira verso l'ambient e la psichedelia, oltre a marcare i riferimenti wave

WILD NOTHING

Gemini

(2010 - Captured Tracks)
Il pop nostalgico di Jack Tatum, tra pulsazioni sintetiche e riverberi sognanti

Wild Nothing on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.