7 Training Days

Wires

2013 (autoprodotto) | alt-rock

Abbiamo già incrociato i 7 Training Days qualche mese fa, a seguito della pubblicazione di “Finale/Forward”, un Ep con due tracce che lasciavano trasparire un salto qualitativo rispetto al pur buon esordio “In A Safe Place”, pubblicato nel 2011. Dopo appena due anni ecco il secondo step, “Wires”, che rinforza l’atteggiamento indie-rock del quartetto laziale.
Partendo da territori prossimi ai primi Interpol ed Editors, i 7 Training Days propongono una propria visione di contemporary-wave, nella quale toni dark tipicamente British si alternano a divagazioni più americane. Il risultato finale lancia la band verso territori che si approssimano moltissimo ai suoni e all’immaginario dei Rem, come ben dimostrato da “Life”, giusto per citare l’esempio più eloquente.

Il disco ha tratti fortemente contemplativi, ma l’elettricità vibra sempre sotto pelle, come accade in “I Will”, “To Climb”, “Eggplant Is The Colour” e nell’intensissima title track. “Wires” è il fuoco che mira a incenerire quegli invisibili legami che ci vincolano silenziosamente a realtà dalle quali vorremmo fuggire, il desiderio di evasione troppo spesso represso che vive dentro ognuno di noi.
Ma i vincoli possono essere anche piacevoli, e tenerci ancorati a una persona, a un ricordo, a un sorriso, a una situazione che non vorremmo rimuovere. E allora non potevano mancare momenti musicalmente più leggeri (“Down By The River”) oppure in grado di catturare tanta sana energia (“You Are Not Me”).

Liberarsi dalle funi di ogni nostra empasse emotiva equivale a riappropriarsi della propria identità, della propria essenza vitale. È pertanto un grido liberatorio quello che emerge dai solchi di “Wires”, il quale contiene anche “Pocket Venus” e “The Greater Good”, già presenti in “Finale/Forward”.
Il consiglio è di ascoltare questo lavoro con attenzione, possibilmente in cuffia, in quanto sono molti i particolari che meritano di essere colti, evidenziati dalla produzione curata da Filippo Strang, il quale ha guidato le operazioni presso i VDSS Studios, dove si sono svolte le session di registrazione.

“Wires” è un bel modo per salutare un 2013 che non è stato certo avaro di belle sorprese nel sottobosco indipendente nazionale, e scavando a fondo si possono sempre scovare realtà davvero interessanti e promettenti. I 7 Training Days sono senz’altro una di queste.

(19/12/2013)

  • Tracklist
  1. Gone
  2. You Are Not Me
  3. Life
  4. Wires
  5. Pocket Venus
  6. Down By The River
  7. I Will
  8. Something More Clear
  9. To Climb
  10. Eggplant Is The Colour
  11. The Greater Good
  12. Random Heart


7 Training Days su OndaRock
Recensioni

7 TRAINING DAYS

Stop The Bombing

(2016 - VDSS Records)
Il terzo lavoro per il quartetto laziale, alle prese con un indie-rock sempre più personale

7 Training Days on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.