Appleseed Cast

Illumination Ritual

2013 (Graveface Records) | emo, post-rock

Dopo l’uscita di “Sagarmatha” nel 2009 e la riesecuzione integrale dal vivo dei loro classici “Low Level Owl Vol. I” e “Low Level Owl Vol. 2” nel 2010, gli Applessed Cast si prendono tempo per realizzare il loro ottavo disco.
Entrano in studio a maggio del 2012 con una nuova lineup, che vede l’ingresso di Taylor Holenbeck alla chitarra e di Nathan Wilder alla batteria, e nel 2013 realizzano “Illumination Ritual”: un disco solare, pieno di aperture, di armonie rotonde e trame di drum fill. “Illumination ritual” è anche un ritorno alle sonorità dei dischi più storici della band di Lawrance-Kansas, come “Mare Vitalis”, ma con toni meno drammatici e una piena consapevolezza dei propri mezzi espressivi.

Un disco che nasce dalla complicità musicale tra i membri del gruppo – costruito su improvvisazioni di uno strumento sull’altro – i cui testi sono stati scritti nell’arco di tre notti. Nell’apertura quasi interamente strumentale di “Adriatic to Black Sea” riaffiora l’intarsio delle trame chitarristiche di Sharks Keep Moving e Sea & Cake, rotto solo nella parte finale dal cantato di Chris Crisci; si passa poi a “Great Lake Derelict”, incalzante ed emozionale col suo fraseggio d’organo, uno pezzi più belli del disco. “30 degrees 3 AM” e “Barrier Island” (Do We Remain) sono in pieno stile Appleseed Cast, mentre qualcosa di insolito arriva con i suoni e i loop elettronici di “Simple forms”  e di “Branches on the Arrow Peak Revelation”, a ricordare gli ultimi Radiohead.

A quindici anni dal loro esordio per Deep Elm Records con “The End of the Ring Wars” (1998), passando dalle atmosfere dilatate di “Two Conversations” (2003) e cupe di “Peregrine” (2006), gli Appleseed Cast portano con sicurezza a piena maturazione il loro personale ibrido di emo e post-rock, con un pizzico di math-rock, aggiungendo un nuovo tassello evolutivo al loro distintivo sound.

“And all the faces outside, and all the faces I know, and I'm shooting for gold, I will leave this life, and you will see me off” (“Great Lake Derelict”).

Un disco godibilissimo, ben suonato, che piacerà sia ai nostalgici sia ai neofiti.

(05/10/2013)

  • Tracklist
  1. Adriatic to Black Sea
  2. Great Lake Derelict
  3. Simple Forms
  4. Cathedral Rings
  5. 30 Degrees 3 AM
  6. Branches on the Arrow Peak Revelation
  7. Barrier Island (Do We Remain)
  8. North Star Ordination
  9. Clearing Life
  10. Illumination Ritual
Appleseed Cast on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.