Bonnie Prince Billy

Bonnie Prince Billy

2013 (Palace) | alt-folk

I will be born again

Ormai ci eravamo talmente abituati agli innumerevoli capricci artistici di Will Oldham, alle sue collaborazioni schizofreniche, che era ormai oggettivamente complicato accendere il proprio interesse di fronte all’ennesima pubblicazione del menestrello americano. Finisce così che il suo ultimo disco, un omonimo registrato, suonato e pubblicato in totale autonomia, sia stato relativamente snobbato, ingiustamente intrappolato dalla sua mancata distribuzione.
È un vero peccato, perché “Bonnie Prince Billy” rappresenta un grande ritorno alle origini per Oldham e resterà probabilmente una gemma nascosta e semi-introvabile del suo catalogo.

Rotti i legami col mondo, BPB trova in questo isolamento totale il modo per tornare alle vertigini, alla pece interiore gocciolante dal vecchio e incombente “I See A Darkness” (“Bad Man”), eccellendo in una scrittura minimale quanto finalmente limpida, assente forse dal suo capolavoro minore, “The Letting Go”.
Il placido classicismo roots di Daniel Martin Moore sembra trapelare da tracce come “The Spotted Pig”, senza mascherare una sincerità commossa e intima forse mai palesata in questi termini da Oldham (“Ending It All (As I Do)”), arrivando a sfiorare i toni della preghiera (“I Will Be Born Again”).

Si delinea così una testimonianza importante di rinnovamento artistico per il cantautore americano, un back to basics al racconto di sé che permette finalmente un confronto con chi si impone ora sulla scena, come Bill Callahan – flirtando col faceto in “This Is My Cocktail” e nel brevissimo scampolo Beam-iano della coda di “Royal Quiet Deluxe”.
Nonostante il minimalismo estremo di mezzi ed estetica, che spinge l'alternarsi di acustica e voce talvolta ai limiti del percettibile, il suo miglior disco dai tempi di “The Letting Go”.

(10/01/2014)



  • Tracklist
  1. I Heard Of A Source 
  2. Lessons From Stony 
  3. Triumph Of Will 
  4. I Will Be Born Again 
  5. Make It Not An Evil Mark 
  6. The Spotted Pig 
  7. This Is My Cocktail 
  8. Bad Man 
  9. Ending It All (As I Do) 
  10. Royal Quiet Deluxe
Bonnie Prince Billy su OndaRock
Recensioni

BONNIE PRINCE BILLY

Singerís Grave A Sea Of Tongues

(2014 - Drag City)
Ancora una pagina di proficua autoreferenzialità per il Principe del Kentucky

BONNIE PRINCE BILLY

Wolfroy Goes To Town

(2011 - Domino)
All'ennesimo album, ecco un capitolo di sintesi del geniale e raffinato musicista americano

BONNIE PRINCE BILLY

Beware

(2009 - Domino)
Introspezione su sentimenti e relazioni interpersonali nel nuovo album del songwriter di Louisville

BONNIE PRINCE BILLY

Lie Down In The Light

(2008 - Drag City)
Ennesimo capitolo dell'opera di rivisitazione country-folk del "Principe"

BONNIE PRINCE BILLY

The Letting Go

(2006 - Drag City)
L'abisso di dolcezza del barbuto cantautore del Kentucky

News
Bonnie Prince Billy on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.