Braids

Flourish // Perish

2013 (Full Time Hobby) | electro dream-pop, ambient-pop

Da un ribollire di bolle digitali, la voce di Raphaelle Standell-Preston emerge come un piccolo sogno di ghiaccio (“Victoria”). Laddove, infatti, “Native Speaker” sembrava inebriarsi di colori e luccicanze diffuse, “Flourish // Perish” vive soprattutto di umori pacati, sornioni, di paesaggi sfuggenti che la musica, attimo dopo attimo, sembra voler bloccare in un incanto di vetro.

Sulla scorta di un suono sostanzialmente più misurato, non lontano dalla definizione di un electro-pop onirico e dalle coloriture ambientali, i Braids (ormai un terzetto, dopo l’abbandono della cantante e tastierista Katie Lee) approntano, dunque, trame volatili in docile ascensione (“Fruend”, la lunga “Together”), sostenendo visioni ipnotiche pur nella loro filigrana dinamica (“December”, “Juniper”), comunque sempre indirizzata verso strutture ciondolanti che inglobano sparse rarefazioni emozionali (“Hossak”, “December”).

La fragilità che si annidava dietro le composizioni di un tempo è adesso manifesta, nuda nel suo imporsi sussurrato – si ascolti, per dire, il bozzetto indifeso di “Girl” – o nel suo smerigliarsi continuo in un gioco di echi e di piccole stratificazioni celestiali (penso, ad esempio, ad “Ebben”, il cui fraseggiare vocale evoca il Peter Gabriel di “Mercy Street”).
Dall’Ep rilasciato qualche mese fa, vengono ripescati, invece, il dream-pop singhiozzante di “Amends” e quello più frizzantino di “In Kind”, che resta ancora il momento migliore di questo nuovo corso.

(05/09/2013)

  • Tracklist
  1. Victoria
  2. Fruend
  3. December
  4. Hossak
  5. Girl
  6. Together
  7. Ebben
  8. Amends
  9. Juniper
  10. In Kind
Braids su OndaRock
Recensioni

BRAIDS

Deep In The Iris

(2015 - Arbutus Records)
Terzo disco per il terzetto canadese, nel soldo di un elegante ed onirico electro-pop

BRAIDS

In Kind // Amends

(2013 - Arbutus)
Un intrigante cambio di rotta per il combo canadese, aspettando il nuovo lavoro sulla lunga distanza

BRAIDS

Native Speaker

(2011 - Kanine Records)
Un magico e sovrannaturale incanto dream-pop nell'esordio del quartetto canadese

Braids on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.