Braids

In Kind // Amends

2013 (Arbutus) | dream-pop, ambient-pop, neo-psichedelia

Una delle più belle sorprese del 2011, “Native Speaker” lanciò i canadesi Braids in orbita, consegnandoli agli appassionati come un segreto da custodire con cura. Un disco nato in sordina, ma capace di assestarsi subito in fondo al cuore, grazie al suo delicato equilibrio.

A preparare l’arrivo del loro secondo lavoro, “Flourish // Perish” (in uscita verso la fine di Agosto), ecco quattro tracce dove la vera protagonista è la voce trasognata e cristallina di Raphaelle Standell-Preston. La musica, invece, fatta eccezione per la costruzione più intrigante e frizzantina di “In Kind”, si è tramutata in un tappeto sintetico-evocativo in bilico tra purissimo incanto dream-pop (“Near Enough”, “Amends”) e stasi ambient-drone, comunque solcate da brividi onirici (“A Dawn In Me”). Un cambio di rotta piuttosto intrigante, ma da valutare meglio fra un paio di mesi, quando avremo la possibilità di ascoltare il nuovo lavoro.

(27/06/2013)

  • Tracklist
  1. In Kind
  2. Near Enough
  3. Amends
  4. A Dawn In Me
Braids su OndaRock
Recensioni

BRAIDS

Deep In The Iris

(2015 - Arbutus Records)
Terzo disco per il terzetto canadese, nel soldo di un elegante ed onirico electro-pop

BRAIDS

Flourish // Perish

(2013 - Full Time Hobby)
Il trio americano prosegue nel solco di un electro-pop onirico e dalle coloriture ambientali

BRAIDS

Native Speaker

(2011 - Kanine Records)
Un magico e sovrannaturale incanto dream-pop nell'esordio del quartetto canadese

News
Braids on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.