Cate Le Bon

Mug Museum

2013 (Turnstile) | retro-pop

La gallese Cate Le Bon si rimette in gioco, a due anni dal convincente “Cyrk” e dopo aver partecipato come guest al ritorno discografico dei Manic Street Preachers, dei quali è stata anche opening-act in tour. Per farlo, decide di rimescolare un po’ le carte in tavola, proponendo un lavoro ricoperto da uno strato di antica polvere sixties più che apprezzabile.

Registrato in California, dove Cate Le Bon si è recentemente trasferita, “Mug Museum” ne ha subito l’influenza, assorbendo quell’ozioso, rilassante calore tipico della West Coast. La protetta di Gruff Rhys gioca ancora a fare la Nico, specialmente negli epsisodi più psych dell’album: sopra la claudicante chitarra solista di “Cuckoo Through The Walls”, tra le pieghe dell’organo da chiesa che accompagna “Mirror Me”, facendo proprio il mood alla Velvet Underground scandito dal basso ipnotico di “No God”. La traccia d’apertura “I Can’t Help You” è un luminoso e ingannevole divertissement, ma il meglio la Le Bon lo offre nei momenti  più lenti: il sentito duetto con Perfume Genius “I Think I Knew” e la kinksiana “Are You With Me Now?”, che non avrebbe sfigurato come brano originale  nella soundtrack di un film quale The Boat That Rocked.
 
“Mug Museum” è un album dove si incontrano i diversi aspetti della personalità di Cate Le Bon, trovando più di un punto d’incontro per una pacifica e fruttuosa convivenza tra le radici britanniche e le nuove influenze oltreoceaniche. La patina retrò contribuisce a dare al tutto un sapore senza tempo, grazie anche alla versatilità vocale e artistica che la Le Bon dimostra di possedere e padroneggiare. Un talento confermato, dal quale ci si aspetta ora il (grande) salto di qualità.

(09/12/2013)



  • Tracklist
  1. I Can’t Help You
  2. Are You With Me Now? 
  3. Duke
  4. No God
  5. I Think I Knew
  6. Wild
  7. Sisters
  8. Mirror Me
  9. Cuckoo Through The Walls
  10. Mug Museum
Cate Le Bon su OndaRock
Recensioni

CATE LE BON

Crab Day

(2016 - Drag City)
Un'opera bizzarra e sfuggente per la gallese, sempre più a suo agio in California

CATE LE BON

Cyrk

(2012 - Ovni / Turnstile)
Cate, dal cognome altisonante e dalle origini francofone, chiede con successo asilo alla Regina

Cate Le Bon on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.