Clogs

The Sundown Song Ep

2013 (Brassland) | alt-folk, post-rock

In attesa del nuovo album, che darà seguito allo splendido "The Creatures In The Garden Of Lady Walton" di tre anni fa, i Clogs tornano con un Ep all'insegna della sobrietà, frutto in buona parte del lavoro solista del loro leader.

Composte interamente da Padma Newsome nella sua casa di Mallacoota, piccola perla incontaminata nella costa sud-occidentale dell’Australia, le tre tracce di "The Sundown Song Ep" (2013) riflettono proprio questo senso di semplicità e di quiete idilliaca. Anche la line-up finale si restringe, assestandosi in un trio, che vede Newsome (voce, viola) affiancato da Rachael Elliott (fagotto) e Thomas Kozumplik (percussioni). Eppure, resta ancora un senso di magia, di magnetismo profondo, pur nella linearità delle trame e degli arrangiamenti, sempre spogli ed essenziali. La voce di Newsome - un falsetto quasi efebico nei primi dischi - assume ora una tonalità più profonda e solenne, accompagnata da un ukulele gentilmente pizzicato, con viola, fagotto e sottili percussioni sullo sfondo.

Domina, come si diceva, un senso di pace assoluta, fin dall’iniziale “A Hobson's Choice”, un’elegia sommessa di oltre sei minuti, intonata con piglio quasi ieratico da Newsome, in una soffice tessitura di viola e ukulele, con sporadici vocals a sostegno, a cura di Susannah Keebler. Ancor più scabro ed essenziale il canovaccio di "The World Loves Me", dove Newsome cesella una tenera e semplicissima melodia, accompagnandosi con un whistling polveroso a evocare un sortilegio sospeso nel tempo. Chiude così idealmente il cerchio l’incantevole ninnananna finale della title track, intonata in coro con il Mallacoota Community Choir: una umile, commovente riflessione sul crepuscolo della vita e dei sogni.

Nati come ensemble prettamente strumentale, in piena apoteosi post-rock, i Clogs stanno via via scoprendo come l’arte del canto possa coniugarsi superbamente alla loro musica, sia aprendola a una maggior grandiosità – come testimoniato da “The Creatures In The Garden Of Lady Walton” – sia riportandola alla sua forma più pura e semplice, come nelle tre tracce di questo piccolo, prezioso Ep.

(10/02/2013)



  • Tracklist
  1. A Hobson's Choice
  2. The World Loves Me
  3. The Sundown Song
Clogs su OndaRock
Recensioni

CLOGS

The Creatures In The Garden Of Lady Walton

(2010 - Brassland)
Un ulteriore passo nella definizione del suono cameristico dell'ensemble

CLOGS

Lantern

(2006 - Talitres)
Da New York, partiture strumentali dai toni fortemente crepuscolari

Clogs on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.