Dean Blunt

The Redeemer

2013 (World Music) | sound collage, experimental, art-pop

Il Museum Of Broken Relationships di Zagabria è stato eletto di recente il “museo più bizzarro del globo” da un sondaggio congiunto da alcune riviste di settore. Nulla a che vedere con la diplomazia internazionale, le relazioni presentate nella piccola esposizione fanno riferimento ai sentimenti e ai rapporti privati troncati. Oltre alle tradizionali fotografie e agli orsacchiotti coi cuoricini rosa, la collezione annovera asce, intimo, manette di peluche, segreterie telefoniche e quant’altro le “vittime” ricollegano alla rottura delle proprie storie: un armamentario assortito che ben si presta ad una qualche speculazione sociologica post-contemporanea.
Facile individuare, senza troppe forzature, il parallelo con quello che Dean Blunt e Inga Copeland, al secolo Hype Williams, rimestano ormai da qualche anno, ovvero frammenti di cultura e società pop de-contestualizzati al fine di restituirne complessi ritratti in stile pop-art il cui senso trasfigurato risiede solo in un’astratta veduta d’insieme.

Archiviato un 2012 di astrusi capolavori lo-fi (“The Attitude Era”, “Black Is Beautiful”, “The Narcissist”) è Dean Blunt in solo a ripresentarsi a questo giro, con il primo Lp propriamente detto, per la sua neonata World Music. “The Redeemer” è un concept sullo stato mentale in seguito a un rapporto sentimentale spezzato, assemblato, come suo solito, pescando dagli angoli più polverosi del pop e intercalando schegge di varia natura mediatica nonché, per la prima volta, trame di organica composizione. Questo, assieme a una più generale pulizia del suono, rappresenta l’essenziale novità nella ricetta del misterioso individuo.
Via libera dunque ad archi, arpe, chitarre, ottoni e cori e a sample limpidi e quotati (Kate Bush, Fleetwood Mac, Pink Floyd).

Tuttavia non sono necessari molti ascolti per capire che la redenzione è solo dei mezzi e che al cuore di tutto continua a vivere la macabra frammentarietà Hype Williams, riproposta solo in una forma più elegante, a mo’ di pièce tatrale cut’n-paste da diciannove minuscoli atti.
“The Redeemer” spiazza a primo acchito con un’intro tutta orchestrale culminante in due splendidi numeri che pagano il dazio a Gil-Scott Heron e a certo trip-hop, introducendo il tema lirico dell’abbandono sentimentale snocciolato fra trame soul e schegge di varia natura, sfidando in continuazione l’ascoltatore a discernere il confessionale dall’agghiacciante parodia post-moderna.

La sequenza degli atti segue il disfacimento progressivo dell’ordine mentale, frantumando il fragile songwriting impostato in apertura, a partire dalla splendida title track, che prende le mosse da una desolazione portisheadiana (con l’unico cameo vocale di Inga Copeland) per andare a morire tra urla di origine indefinita e sciabordii che si trascinano per tutta la porzione centrale del lavoro, fino alla toccante “Need 2 Let U Go”, fumosa folktronica a tinte soul e jazz.
“Papi” riporta su binari più rassicuranti, rivoltando “Echoes” in arrangiamento souleggiante à-la Isaac Hayes oscurato da un incomprensibile count-down e rintocchi di campana, mentre “All Dogs Go To Heaven” strascica per cinque minuti una serenata hypnagogico-psichedelica ad alto tasso alcoolico.
“Imperial Gold” e “Brutal” chiudono infine con due altre quasi-song, un po’ indie-folk un po’ soul pianistico, il cui (probabile) significato ancora una volta è messo in discussione da un messaggio in segreteria (“and no more messages”).

Vuoto e solitudine serpeggiano per tutta la durata di “The Redeemer”. Chi è a caccia di canzoni fatte e finite inevitabilmente dovrà andare a cercarsele altrove: la meta-musica di Dean Blunt conquista o ripugna senza ammettere troppe sfumature di giudizio. Per tutti gli altri, l’improbabile redentore offrirà un'inquietante raffigurazione delle relazioni 2.0, tra sentimento, tecnologia, frasi fatte e insicurezza digitata alla corte di Yahoo Answers.

(26/05/2013)

  • Tracklist
  1. I Run New York
  2. The Pedigree
  3. Demon
  4. Flaxen
  5. V
  6. The Redeemer
  7. Seven Seals Of Affirmation
  8. Walls Of Jericho
  9. Make It Official
  10. Need 2 Let U Go
  11. Dread
  12. Y3
  13. Papi
  14. MMIX
  15. All Dogs Go To Heaven
  16. Imperial Gold
  17. Predator
  18. Brutal
  19. Par
Copeland su OndaRock
Recensioni

COPELAND

Because I'm Worth It

(2014 - self)
Il debutto su album dell'ex-Hype Williams in un nuovo gioco di fumi e di specchi

DEAN BLUNT

Black Metal

(2014 - Rough Trade)
Debutto su Rough Trade per la controversa metà "blues" degli Hype Williams

DEAN BLUNT & INGA COPELAND

Black Is Beautiful

(2012 - Hyperdub)
"Mash-up" oscuro e fumoso, dalle menti distorte degli Hype Williams

Dean Blunt on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.