Diaframma

Preso nel vortice

2013 (Diaframma) | alt-rock, songwriting

È senz’altro una seconda giovinezza quella che sta vivendo Federico Fiumani, da anni riconosciuto unanimamente come una delle colonne del rock “altro” italiano, uno che ha scritto alcune fra le migliori pagine della “nostra” new wave, attraversando da protagonista quattro decadi di musica.
“Preso nel vortice” giunge a un solo anno dall’acclamato “Niente di serio” premiato ai Pimi 2012 come Miglior Album Autoprodotto. Fiumani è inarrestabile, sforna dischi a rotta di collo ed è costantemente in tour, una furia creativa che non trova uguali sul suolo nazionale, almeno fra i cantastorie della sua generazione. E dopo qualche lavoro così così, si sta assestando su un livello qualitativamente buono.

“Preso nel vortice” è il sedicesimo lavoro in studio dei Diaframma, e giunge nel bel mezzo delle celebrazioni per il trentennale di “Siberia”. Rispetto al predecessore si distingue per una maggiore varietà di stili e argomentazioni, e soprattutto per una maggiore aggressività sonora.
Federico, oltre che di amore e sesso, ci parla anche di sogni, di ricordi, di musica, dei suoni amati in gioventù, di amici. E per uno di questi c’è una sentita dedica: “Ottovolante” è una canzone per Piero Pelù, altro protagonista assoluto della scena fiorentina underground in quegli irripetibili anni 80 che regalarono al mondo, oltre ai Diaframma, anche Litfiba, Neon e Pankow, giusto per citare i nomi più noti.

Questa volta si allarga anche il parterre degli ospiti, fra i quali spicca la presenza di Enrico Gabrielli, l’uomo-ovunque della canzone alternativa italiana, qui al sax in un paio di tracce, al piano e alle tastiere altrove. Ma non sono certo secondarie le apparizioni di Gianluca de Rubertiis (piano e tastiere), le voci di Marcello Michelotti e Alex Spalck (due vecchi amici che animarono rispettivamente Neon e Pankow tanti anni fa) e l’inattesa comparsata di Max Collini degli Offlaga Disco Pax su “Ho fondato un gruppo”.
Nella line up di base oltre a Federico sono confermati Luca Cantasano (basso) e Lorenzo Moretto (batteria), più Edoardo Daldone alla seconda chitarra.

Nonostante l’iperprolificità, Fiumani riesce a trovare nuovi e inediti spunti per un album grintoso, verace, viscerale, lo riempie di collaborazioni azzeccatissime e di interessanti hook assassini, e ci inserisce almeno un pezzo che saprà meritarsi l’ingresso in un ipotetico greatest hits dei Diaframma: “Infelicità”.

(25/10/2013)

  • Tracklist
  1. ATM
  2. Claudia mi dice
  3. Hell’s Angels
  4. Ho fondato un gruppo
  5. I sogni in disparte
  6. Il suono che non c’è
  7. Infelicità
  8. L’amore è un ospedale
  9. Ottovolante (una canzone per Piero Pelù)
  10. L’uomo di sfiducia
  11. Luglio 2010
  12. Tutte le strade
  13. Venisse il sole
  14. Voglia di
Diaframma su OndaRock
Recensioni

DIAFRAMMA

Siberia - Reloaded 2016

(2016 - Diaframma)
Una pietra miliare della darkwave interamente risuonata, con nuove tracce e la partecipazione ..

DIAFRAMMA

Demos 1982 - Live 1983

(2013 - Synthetic Shadows)
Di nuovo in vinile gli esordi dello storico gruppo wave fiorentino

DIAFRAMMA

Niente di serio

(2012 - Diaframma)
La band di Federico Fiumani firma il lavoro più riuscito degli ultimi anni

DIAFRAMMA

Live 09-04-2011

(2011 - Diaframma)

Il primo live della band di Federico Fiumani in oltre tre decenni di carriera

DIAFRAMMA

Difficile da trovare

(2009 - Diaframma)
Il ritorno della band di Federico Fiumani, ormai adagiata su un cantautorato rock senza sorprese

DIAFRAMMA

Live & Unreleased

(2007 - Venus)
La prima decade dei Diaframma dal vivo, più inediti

DIAFRAMMA

Siberia

(1984 - Ira)
Uno dei lavori più lirici e suggestivi della new wave "made in Italy"

Diaframma on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.