Explosions In The Sky & David Wingo

Prince Avalanche (Soundtrack)

2013 (Temporary Residence) | soundtrack, instrumental

L'ultima volta che un gruppo dell'area cosiddetta post-rock si è dato al mondo del cinema risale a non più di qualche mese fa: la band in questione erano i Mogwai, il risultato un capolavoro come “Les Revenants”, uno dei dischi più intensi della loro carriera e fra gli highlight di questo 2013. Che il genere musicale, nelle sue coordinate base, si addicesse in maniera particolare ad accompagnare immagini, fotogrammi e filmati è dato ormai acclarato: non ha quindi stupito più di tanto la notizia che a distanza di nemmeno due mesi anche un altro fronte di mostri sacri della medesima scena come gli Explosions In The Sky avesse deciso di dedicarsi alla composizione di una soundtrack.

L'origine della storia è in realtà decisamente più radicata e risale al 2003, quando David Gordon Green diede sfogo alla sua passione per il post-rock tutto contattando, fra gli altri, la band texana per assicurarsi la possibilità di usare “The Moon Is Down” all'interno dello score del suo “All The Real Girls”, ad affiancare la soundtrack originale ad opera della coppia David Wingo-Michael Linnenn. In quello score finirono, fra gli altri, anche Mogwai e Labradford, ma Green riuscì a stringere con il quartetto di Austin un'amicizia ben oltre la semplice collaborazione professionale, tanto da affidargli a dieci anni di distanza il commento sonoro del suo nuovo “Prince Avalanche”, al fianco del fido e confermatissimo Wingo.

Il miracolo riuscito ai colleghi scozzesi non si ripete in quella che si rivela piuttosto una colonna sonora nel senso più puro del termine, con i pro (cintematografici) e i contro (musicali) del caso: dalla breve durata dei brani al piegamento delle sonorità alle necessità sceniche, passando per il sacrificio di gran parte delle componenti stilistiche proprie della musica del quartetto. Il risultato è tutt'altro che negativo, e anzi si qualifica come impeccabile nell'assolvere il suo compito (quello di fungere da spalla sonora alle immagini protagoniste), ma paga come prezzo l'incapacità di gran parte dei brani di rappresentare qualcosa che vada oltre il compito stesso.

Gran parte di queste sonatine cameristiche brevi e dalla melodia fugace sembra appartenere in realtà principalmente a Wingo, in grado di ridurre la band americana a orchestrina e a erigersi a direttore della stessa, tanto che quando quest'ultima decide di evadere dai confini, qualche acuto non manca di affiorare. È il caso, in particolare, della corsa leggiadra di “Join Me On Avalanche”, della maestosa “Alone Time” e, sebbene in misura minore, del crescendo conclusivo di “Send Off”. Piccole gemme incastonate in maniera disomogenea all'interno di una colonna sonora sulla cui onestà artistica c'è or vero ben poco da discutere, ma sulla quale al tempo stesso l'impressione del più classico “compitino” non può non gettare l'ombra dell'occasione sprecata.

(29/12/2013)

  • Tracklist
  1. Fires
  2. Theme From Prince Avalanche
  3. Dear Madison
  4. Passing Time
  5. Rain
  6. Alone Time
  7. Hello, This Is Your House
  8. Can't We Just Listen To The Silence
  9. Wading
  10. Dear Alvin
  11. The Lines On The Road That Lead You Back Home
  12. An Old Peasant Like Me
  13. Join Me On Avalanche
  14. The Adventures Of Alvin And Lance
  15. Send Off

Explosions In The Sky su OndaRock
Recensioni

EXPLOSIONS IN THE SKY

Take Care, Take Care, Take Care

(2011 - Temporary Residence)
Al quinto album, la band texana ripropone i suoi standard post-rock

EXPLOSIONS IN THE SKY

All Of A Sudden I Miss Everyone

(2007 - Temporary Residence)
Un album di conferme e lenti mutamenti per la band texana

News
Explosions In The Sky & David Wingo on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.