Frontier Ruckus

Eternity Of Dimming

2013 (Quite Scientific / Loose) | folk-rock

A volte basta poco, a una band americana. Il nome, da solo, può essere sufficiente a evocare un’intera serie di situazioni e immagini tanto esotiche quanto familiari, tanto ordinarie quanto ormai mitiche: parcheggi abbandonati, college di provincia, la vita piena di libertà di un giovane americano.
E in quella cultura come in poche altre c’è la capacità di amplificare vicende ordinarie, sensazioni quotidiane, in un minimalismo tremendamente vivido, una realtà spesso quasi irriconoscibile. Gli autori in questo caso sono i Frontier Ruckus, band del Michigan che ha finora attratto un riconoscimento tutto sommato minore, se si esclude un tweet di Ryan Adams e un brano per Legend Of Zelda.

I Frontier Ruckus sono autori di quello che viene ora chiamato “folk-rock”, la versione post Duemila dell’alt-country anni 90, ora che il banjo non è più un elemento di cui vergognarsi; soprattutto, di una musica dal carattere fortemente “verbale”, in cui il direttore d’orchestra è decisamente il frontman e cantautore Matthew Milia.
Basterebbero questi pochi ingredienti a richiamare con forza mostri sacri come Decemberists e, soprattutto, Okkervil River. Certo, non gli Okkervil River che sono venuti da “The Stage Names”, ormai star, nel bene e nel male, del rock indipendente del nuovo millennio – quelli più insicuri e commossi di “Down The River Of Golden Dreams”.

I Frontier Ruckus sicuramente rivendicano un’attitudine compositiva, più che espressiva, più tradizionalista della band di Sheff e Meiburg (da qui l’appaiamento con Ryan Adams e gli Avett Brothers, che hanno accompagnato in tour) e Milia non mostra l’istrionismo di Sheff nelle sue interpretazioni. Ma, aldilà dei paragoni più stretti (per i quali si possono citare l’uso dei fiati e, appunto, il motore “verbale” dei pezzi), Milia è a suo modo un osservatore intenso e un finissimo cantautore – bastino l’originalità e il dinamismo delle sue canzoni.
Nonostante la produzione un po’ dimessa del disco, un doppio di venti canzoni senza il minimo cedimento (e, forse, senza brani di particolare rilievo), “Eternity Of Dimming” spicca come opera compatta e coerente, e vitale e scorrevole allo stesso tempo. Misurata ed elegante (la sinfonia di piano e archi di “Nightmares Of Space”), quanto piena di trasporto e persino di una sgraziata vitalità (l’interpretazione enfatica di “Eyelashes”, il power-country di “Black Holes”).

I Frontier Ruckus arrivano insomma in soccorso di un mini-genere che sembrava ormai in disuso, in una scena polarizzata da cantautori solitari ed ensemble cameristici – soprattutto, arrivano con un disco veramente ottimo, anzi che potrebbe diventare veramente il disco del cuore della generazione che ha mancato i primi Okkervil River.

(13/02/2013)



  • Tracklist

CD 1

  1. Eyelashes
  2. Black Holes
  3. Thermostat
  4. Birthday Girl
  5. Junk-Drawer Sorrow
  6. The Black-Ice World
  7. I Buried You So Deep
  8. Granduncles Of St. Lawrence County
  9. Bike Trail
  10. I Met Rebecca

 

CD 2

  1. Eternity Of Dimming
  2. If The Suns Collapse
  3. Nightmares Of Space
  4. Surgery
  5. If The Summer
  6. In Protection Of Sylvan Manor
  7. Dealerships
  8. Funeral Family Flowers
  9. Open It Up
  10. Careening Catalog Immemorial 
Frontier Ruckus su OndaRock
Recensioni

FRONTIER RUCKUS

Enter The Kingdom

(2017 - Sitcom Universe / Loose Music)
Quinto Lp per la band folk-rock di Detroit, con un suono più raccolto

FRONTIER RUCKUS

Sitcom Afterlife

(2014 - Quite Scientific)
Gli anni 90 del power-pop solleticano la fantasia di Matthew Milia

Frontier Ruckus on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.