Gary Numan

Splinter (Songs From A Broken Mind)

2013 (Cooking Vinyl) | dark-wave, synth-rock

“But it's unsure if it's enough so it's waits for the ghost
For the demon, assassin of God”

Pensieri fervidi, colmi di oscuro malessere, di una rabbia pilotata, di fantasmi mai sconfitti sgorgano dalla mente rotta di Gary Numan. Avviene da circa tredici anni, ormai. Era il 2000 e il nuovo millennio riservava all'ex-androide, che gli anni avevano reso umano e vulnerabile assieme alla sua musica, l'ingresso in un tunnel che lo avrebbe riportato in alto, libero di battezzare nell'esoterismo di “Pure” una nuova gioventù artistica. Una pelle inedita fatta di un dialogo intrinseco con l'oscurità, una contaminazione suggellata dall'incontro sul palco con quel Trent Reznor che da sempre aveva venerato i fasti degli indimenticabili “Replicas” e “The Pleasure Principle”, tanto da rispolverare “Metal” in una cover da mille e una notte.

Il percorso da allora è proseguito senza la concessione del benché minimo calo di tensione: sei anni ci sono voluti per arrivare a “Jagged”, ovvero il ritorno alla dimensione umanoide, il trionfo di una gelida pece industriale sulle deviazioni del suo predecessore, altri tre per l'introspettiva e meticolosa autoanalisi di “Dead Son Rising”. Ed è a partire da quest'ultima che “Splinter” germoglia, segnando di fatto la conciliazione tra passato remoto e prossimo, facendo convivere distese nervose di synth analogici, ritornelli killer, asperità industriali e oppressioni interiori. Il tutto riunito sotto il comun denominatore di un Numan che si riscopre cantore di psicodrammi ambientati in una casa infestata da spiriti e fantasmi, quella stessa all'esterno della quale si fa fotografare in versione-zombie per l'emblematica copertina.

L'uno-due d'apertura è fulmimante quanto sensazionale: a inaugurare il viaggio è l'ingresso al fulmicotone di “I Am Dust”, irresistibile anthem colmo di scariche che tanto ricordano proprio i Nine Inch Nails di “Hesitation Marks”. Una sorta di rituale, suggellato dall'urlo anti-liberatorio del ritornello, dove torna a fare capolino l'innata abilità di Numan nel fabbricare melodie killer. L'incubo della successiva e altrettanto splendida “Here In The Black”, con il suo raggelante retrogusto doom, segna, assieme al diabolico grido di “Love Hurt Bleed”, la discesa negli inferi, la cui presa di coscienza passa invece per l'impietoso e crudo psicodramma di “Everything Comes Down To This” e per le brulicanti e sinistre visioni di “Where I Can Never Be”.

La carica spettrale raggiunge il suo apice nel terrore sussurrato di “A Shadow Falls On Me”, che arriva a sfiorare da vicinissimo il territorio dei Ministry, e nella rassegnata tensione cibernetica di “We're The Unforgiven”. Altrove la componente umana si affaccia creando dei veri e propri dissidi tra testa e cuore: è il caso della della nostalgia oscurata di “The Calling”, dell'energico e rabbioso sfogo di “Who Are You” e, soprattutto, del travaglio interiore della meravigliosa title track, il cui coro liberatorio segna il vertice del pathos dell'intero lavoro. Succede poi che in un'unica occasione la speranza arrivi a sovrastare il dramma: ne esce “Lost”, ballata auto-contemplativa colma di una dolcezza disarmante, a cui la posizione al centro della scaletta dona il ruolo di autentico spartiacque.

La perfetta convivenza, a tratti in armonia e ad altri in contrasto, fra tutto ciò che Gary Numan ha rappresentato e rappresenta per mezzo della sua musica, fa di “Splinter” uno dei dischi migliori della sua carriera, nonché il (temporaneo) punto d'arrivo del percorso che ne ha segnato la rinascita umana e artistica. La capacità di condurre in luoghi malsani e nefasti con quella stessa, glaciale semplicità con cui trent'anni fa scalava le classifiche è il vero elemento in più di queste undici “canzoni da una mente malata”, tale da invogliare, ad ogni ascolto di più, a gettarsi senza timore nelle braccia di demoni e spettri. Sotto la guida di questo inossidabile, novello cyber-zombie.

(02/11/2013)

  • Tracklist
  1. I Am Dust
  2. Here In The Black
  3. Everything Comes Down To This
  4. The Calling
  5. Splinter
  6. Lost
  7. Love Hurt Bleed
  8. A Shadow Falls On Me
  9. Where I Can Never Be
  10. We're The Unforgiven
  11. Who Are You
  12. My Last Day


Gary Numan su OndaRock
Recensioni

GARY NUMAN

Savage: Songs From A Broken World

(2017 - BMG)
L'artista inglese torna con un concept album su un mondo post-apocalittico

GARY NUMAN

Dead Son Rising

(2011 - Mortal Records)
Gary Numan e il suo mondo sommerso nel 20 album: l'elettronica a braccetto con un minimalismo quasi ..

GARY NUMAN

Jagged

(2006 - Metropolis)

News
Gary Numan on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.