Iceage

You're Nothing

2013 (Matador) | dark-punk

"Spesso il male di vivere ho incontrato:
era il rivo strozzato che gorgoglia,
era l’incartocciarsi della foglia
riarsa, era il cavallo stramazzato.
Bene non seppi, fuori del prodigio
che schiude la divina Indifferenza:
era la statua nella sonnolenza
del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato"
(E. Montale, "Spesso il male di vivere ho incontrato")

Dai piccoli club underground di Copenhagen alle "prime pagine" del web mondiale: nemmeno ai nostri tempi, con i warholiani "quindici minuti di celebrità" alla portata di tutti, un balzo del genere può lasciare indifferenti.
Sono passati solo due anni dall'esordio degli Iceage, quel "New Brigade" nel quale un eccellente amalgama tra post-punk oscuro e furia hardcore assorbiva le intemperanze di quattro adolescenti in perenne bilico tra rabbia e gelida apatia.
Il disco aveva tra i suoi punti di forza la capacità di dosare gli ingredienti in maniera assolutamente coerente e spontanea, riuscendo a definire uno stile pregno di influenze ma, al tempo stesso, personale e riconoscibile. Un equilibrio che in "You're Nothing" non viene meno, ma si carica anzi di nuove e affascinanti sfumature.

"Ecstasy" apre l'album: una partenza col botto, all'insegna del fragore delle chitarre e dei ritmi tonanti; la voce di Elias Bender Rønnenfelt è ora venata di un'inedita amarezza, di note di malinconia assenti in passato: un dolore colmo di rabbia, che impregna e carica di eccitazione il caotico e violento hardcore-punk dei danesi.
Gli Iceage continuano infatti a picchiare duro: brani come "Coalition" o "Everything Drifts" sono delle bordate dark-punk che arrivano dritte in faccia all'ascoltatore; i riff sono aggressivi e oscuri, ma non perdono mai di vista la melodia, nel segno del migliore Rikk Agnew.

"Morals" è la sorpresa dell'album: si tratta infatti di un'originale reinterpretazione de "L'ultima occasione", brano portato al successo da Mina nel 1965; non certo materia facile da manipolare per un gruppo punk, ma i nostri riescono a coniugare la tensione lirica dell'originale con i loro violenti stop-and-go in maniera decisamente naturale. Sul versante opposto troviamo un pezzo come "It Might Hit First", violento e dissonante noise-rock attraverso cui filtra tutta la passione degli Iceage per le sonorità più estreme.
Una registrazione piuttosto lo-fi amplifica la ruvidità, ma anche la potenza espressiva di un album che, nonostante le dodici tracce, non arriva alla mezz'ora di durata e non presenta il minimo calo. 
Il finale, affidato alla title track, è energico ed emozionante, esattamente come i primi secondi di "Ecstasy".

Nuove ombre lambiscono pertanto l'irruenza degli Iceage; ne consegue un disco complementare rispetto a "New Brigade", un risultato che testimonia la precoce maturità di questa giovane band, la cui spinta creativa non si è certo esaurita, ma può invece andare ancora più lontano.
Sinceri e feroci, i tormenti degli Iceage sono personali e al tempo stesso universali: l'impressione è che "You're Nothing" farà breccia in molti cuori oscuri.

(12/02/2013)



  • Tracklist
  1. Ecstasy 
  2. Coalition 
  3. Interlude
  4. Burning Hand
  5. In Haze
  6. Morals
  7. Everything Drifts
  8. Wounded Hearts
  9. It Might Hit First
  10. Rodfæstet
  11. Awake
  12. You’re Nothing
Iceage su OndaRock
Recensioni

ICEAGE

Plowing Into The Field Of Love

(2014 - Matador)
Un netto cambio di direzione contraddistingue il terzo lavoro della band danese

ICEAGE

New Brigade

(2011 - Escho/ Tambourhinoceros)
Il promettente debutto di un giovane ensemble danese, all'insegna di un tiratissimo dark-punk

Iceage on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.