Je Suis Le Petit Chevalier

Dark Morse

2013 (Shelter Press) | drone-dub, dark-ambient

 Sister Jan said, I don’t know.
Of course you know. You know. You saw her.
I don’t know what I saw.
You know. Of course you know. You saw her

(The Angel Esmeralda)


Il talento di Félicia Atkinson è senza dubbio quello di ricreare scenari foschi, imbrattati di nebbia fino alla saturazione, servendosi di mezzi estremamente discreti e minimali: droni impercettibili, pulsazioni lontanissime, voci soffocate. La sua musica agisce su più livelli di coinvolgimento: si staglia benissimo sullo sfondo da brava opera dark-ambient sottilmente orrorifica, si insinua lentamente nelle cervella dell’ascoltatore sperimentando una strana sensazione di trance, oppure ancora si offre come punto di partenza per personali escursus immaginosi.
Mai come in questo episodio, l’intento della Atkinson pare più orientato verso quest’ultimo traguardo, prendendo spunto da alcuni racconti di Don Delillo, incentrati non a caso sulla facoltà immaginifica e l’invenzione, eroi come fantasmi che inventano vite dalla finestra di un night-cafè di periferia.

Più ritmico rispetto ai lavori precedenti (sempre “relativamente”, s’intende), “Dark Morse” è una sequela di immagini dark impossibili da cogliere appieno: si scorgono figure, tutt’al più qualche movimento, ma le strade restano buie e il cielo pesante. “Dryin in Abu Dabi” è un flusso riarso e sgranato, “Esmeralda On The Lake” un inquietante ambient-dub (Vladislav Delay?) popolato di voci irriconoscibili in loop, potenzialmente grida di spasimo quanto di piacere, e così via, tra brevi divagazioni sintetiche insinuanti e spenti tribalismi, fino all’affascinante chiosa dronica di “The War”, in cui la nebbia si dipana per un attimo rivelando per una manciata di secondi appena riff in lontananza e quasi-melodie più definite.

Asciutto e timidamente seducente, “Dark Morse” è un disco di flussi, impulsi e immagini sfocate, invoglia all’esecuzione continua nella vana speranza di capirci qualcosa.
Esperienza fortemente psichica, ingresso vietato a logica e coerenza.

(09/04/2013)

  • Tracklist
  1. Drying In Abu Dabi
  2. Esmeralda On The Lake
  3. Broken Drum
  4. The Names
  5. The War
  6. The Slum Num
Je Suis Le Petit Chevalier su OndaRock
Recensioni

JE SUIS LE PETIT CHEVALIER

An Age Of Wonder

(2012 - La Station Radar)
Le assorte riflessioni ambient di Félicia Atkinson

Je Suis Le Petit Chevalier on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.