Keaton Henson

Birthdays

2013 (Oak Ten) | songwriter

Tratteggi in bianco e nero che sfuggono alle regole delle linee e della geometria, sguardi impauriti e luoghi solitari: tutto questo prende vita dalle mani sicure e ricche di poesia di Keaton Henson, il pittore londinese che dopo il vulnerabile e intenso esordio “Dear” rinnova il suo ruolo di musicista con un album ancora più ricco di sfumature.
E' un vulcano spesso sopito, questo “Birthdays”, in attesa del flusso di rabbia e silenzi che trascina la musica direttamente nella poesia: tenerezze acerbe che chiedono un nuovo archetipo dell’amore (“Teach Me”) bisbigli a due voci (lei è Jesca Hoop) che braccano un incontro quasi impossibile (“Don’t Swim”), sogni che si infrangono su granitici assoli di chitarra elettrica.

L'autore mette a nudo i suoi stati d’animo con un'onestà che non appartiene ai neo-romantici: qui vibra un sentimento ancestrale che i primi folksinger e bluesman hanno conosciuto nella loro autenticità e che Keaton Heanson rinnova dapprima con candore in “10am Gare Du Nord” (ti prego non ferirmi sono un uomo fragile…), poi con rabbia in “Kronos”, rinunciando al suono confortevole della chitarra acustica che il londinese usa come rifugio per le sue confessioni.
C’è infatti del nuovo in “Birthdays”: le sonorità hanno accenti sontuosi e timbri cristallini in “You”, l’amore si veste di cinismo in ” Lying To You”, le armonie restano fuori fuoco con intelligenti sprazzi di luce in “You”, mentre il banjo scuote le tentazioni pop di “Beekeeper” e il corno francese culla il torpore intimista di “Sweetheart, What Have You Done To Us”. Inoltre, la produzione di Joe Chiccarelli (The Shins, The Strokes) introduce ritmi beat “The Best Today” e flirta con il lato mellow del country nella malinconica “In The Morning”, per un incontro tanto breve quanto intenso.

Keaton Henson non è comunque il poeta della rivoluzione, né il nuovo Jeff Buckley, ma solo uno degli artisti più rappresentativi della  vulnerabilità artistica di una generazione, che fa del caos la materia prima di un percorso introspettivo tanto sofferto quanto sincero.

(20/03/2013)



  • Tracklist
  1. Teach Me
  2. 10am Gare Du Nord
  3. You
  4. Lying To You
  5. The Best Today
  6. Don't Swim
  7. Kronos
  8. Beekeeper
  9. Sweetheart, What Have You Done To Us
  10. In The Morning
  11. Milk Teeth (deluxe edition bonus track)
  12. If I Don't Have To (deluxe edition bonus track)
  13. On The News (deluxe edition bonus track)


Keaton Henson su OndaRock
Recensioni

KEATON HENSON

Kindly Now

(2016 - Play It Again Sam)
I dolori del giovane Henson, nel manifesto del neo romanticismo folk

KEATON HENSON

Romantic Works

(2014 - Oak Ten Records)
L'inatteso album neoclassico del songwriter accolto dalla critica come il Jeff Buckley inglese

KEATON HENSON

Dear

(2012 - Oak Ten Records)
Il sorprendente folk intimista di un artista eclettico e vulnerabile

Keaton Henson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.