La Metralli

Qualche grammo di gravitÓ

2013 (A Buzz Supreme) | songwriter, jazz

La vittoria del Premio Ciampi 2012 ha da subito elargito una discreta ribalta ai La Metralli, che soltanto qualche mese prima, nell'estate del 2011, avevano pubblicato “Del Mondo che vi lascio”, l'esordio sulla lunga distanza della formazione modenese. Alla quale, già allora, non mancava nulla: la carismatica voce di Meike Clarelli, le chitarre di Marcella Menozzi e Matteo Colombini, la sezione ritmica composta da Davide Fasulo, Cesare Martinelli e Serena Fasulo si lanciavano in pertinenti incursioni a cavallo tra jazz e folk, balcani e mediterraneo, acustico ed elettrico.

Incassati gli elogi, i La Metralli si sono rimessi al lavoro per dare alle stampe “Qualche grammo di gravità”. Un album prolisso - quindici canzoni, fra cui le tre che componevano l'Ep “celebrativo” pubblicato lo scorso anno – così come lungo è stato il lavoro in studio: interamente registrato a 432Hz, la frequenza dell'accordatura naturale, utilizzando via via per ogni canzone una diversa modalità di incisione di voce e chitarre, al fine di rendere il suono più luminoso, naturale, vivo. Ma anche – e soprattutto – un lavoro ricco di svolte, estroverso, a tratti persino istrionico allorché la Clarelli si prende l'intera scena (l'intro per sola voce “Levante”, le smorfie teatrali di “Ruggine e Carie”).

Troviamo così divagazioni mediterranee (“In tre passi”) e sudamericane (“La sciancata”, “Cesarina l'incendiaria”), malinconiche ballate (“Sognando senza denti”), persino capitoli puramente pop quali “36 Gradi” e “Cantico dei viaggiatori”. Il vero gioiellino dell'opera seconda dei La Metralli è però “Meridies”, sette minuti di psichedelia folk e vocalizzi filtrati da un tubo lungo venticinque metri. Chiude l'opera, “dedicata a tutti coloro che hanno cercato e stanno cercando qualche grammo della loro gravità, senza preoccuparsi del vento e di quanto a volte possa far male trovare il proprio peso”, la breve, muta orazione di “Ponente”.

(07/10/2013)



  • Tracklist
  1. Levante
  2. In Tre Passi
  3. Ruggine E Carie
  4. Piovevo
  5. 36 Gradi
  6. Sognando Senza Denti
  7. Cantico dei Viaggiatori
  8. Cesarina l'Incendiaria
  9. Maestrale
  10. La Quinta Stagione
  11. La Sciancata
  12. Merìdies
  13. Per Ogni Respiro
  14. Senza Formula
  15. Ponente
La Metralli su OndaRock
Recensioni

LA METRALLI

Del Mondo Che Vi Lascio

(2011 - A Buzz Supreme)
La band modenese convince grazie a un raffinato pastiche di musiche popolari e jazz colto

News
La Metralli on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.