Local Natives

Hummingbird

2013 (Infectious) | alt-folk-pop

Essere giovani significa essere impulsivi, emotivi, irrazionali… I Local Natives, anche in questo disco tagliato e presentato dal “sarto” Aaron Dessner, ci tengono a farlo presente all’ascoltatore: "quello che facciamo è quanto di più aggiornato e alla moda ci possa essere nel mondo musicale contemporaneo".
Bordate di patetismo enfatico, tra Perfume Genius e Arcade Fire (“Mt. Washington”), arrampicate per crinali emotivi post, da sensazione Nme (Wild BeastsZulu Winter), propulsioni vocali e organistiche alla LeGrand, composizioni sfuggenti che sfogano in una facile emotività tutto il loro possibile estro (al contrario di quello che comunque riescono a fare i Grizzly Bear).

Li aiuta in questo caso il tocco di Dessner – conosciuto nel tour di supporto ai National – che dona a “Hummingbird” un’eleganza understated che sicuramente mancava al grezzo “Gorilla Manor”, rendendo questo secondo lavoro perlomeno gradevole (“Black Balloons”), seppur sia privo di brani di particolare originalità – ormai si è capito, quest'ultima non è proprio un valore caro ai Local Natives.
L’afro-pop non va più così di moda, pare. Si succedono, quindi, noiosi pezzi in crescendo post-psichedelico, un accumularsi di percussioni, cori, arpeggi di chitarra e accomodanti distorsioni, che a lungo andare mostrano la loro natura bidimensionale.

Non manca anche un accenno di folk psichedelico come “Ceilings” a completare un prodotto ad altissima digeribilità, pronto ad adattarsi a quello che si attende sia il gusto medio dell’ascoltatore. L’illusione di distinguersi regna e s’insinua per tutto questo “Hummingbird”, ma è solo l’ultima, periferica apertura di una catena commerciale.

(22/01/2013)



  • Tracklist
  1. You & I
  2. Heavy Feet
  3. Ceilings
  4. Black Spot
  5. Breakers
  6. Three Months
  7. Black Balloons
  8. Wooly Mammoth
  9. Mt. Washington
  10. Columbia
  11. Bowery
Local Natives su OndaRock
Recensioni

LOCAL NATIVES

Sunlit Youth

(2016 - Loma Vista)
I californiani giungono al terzo album: un addio al folk che cede il passo ai synth

LOCAL NATIVES

Gorilla Manor

(2009 - Infectious)
Un altro collettivo californiano si presenta col suo catalogo di cianfrusaglia alternativa

Local Natives on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.