Los Campesinos!

No Blues

2013 (Wichita) | alt-pop

Sembra essere passato un secolo, da un punto di vista musicale, dalla pubblicazione di “Hold On Now, Youngster…”, esordio dei Los Campesinos!. Era il 2008 e la grande marcia di quello che veniva chiamato, in modo piuttosto generalista, “indie-rock” sembrava davvero inarrestabile: capitando in una serata qualsiasi sul genere, in mezzo al gigantesco calderone dove venivano gettate le realtà Strokes, Libertines, Interpol, Bloc Party e le prossime next big thing già in rampa di lancio (Kasabian, Arctic Monkeys, Foals, Editors in ordine sparso), qualche dj particolarmente illuminato riusciva sovente a inserire nella propria playlist le adrenaliche “Death To Los Campesinos!” o “You! Me! Dancing!”.
La declinazione pop che questo collettivo gallese aveva dato ai lavori più strettamente lo-fi di band come Pavement e Broken Social Scene era stato il loro passepartout per il grande salto. O almeno relativamente grande, perché i Los Campesinos! non sono mai riusciti realmente a “fare il botto” come altri loro illustri - e a volte meno meritevoli - colleghi, limitandosi ad acquisire nel circuito alternativo del Regno Unito lo status di cult-band.

Cinque anni e quattro album dopo, nessuno dei quali davvero deludente, la band guidata da Gareth si contraddistingue ancora per l’invidiabile coerenza e perseveranza con cui porta avanti il proprio discorso musicale. Non saranno più i Los Campesinos twee degli esordi, ma “No Blues”, riprendendo il solco del predecessore “Hello Sadness” e rendendo più melodici certi passaggi, non si allontana molto dall’energia che sprigionavano i due mini-Lp pubblicati agli inizi. Come a non mancare sono i consueti riferimenti intelligenti al calcio, espediente sempre utilizzato per raccontare le proprie turbe sentimentali; d’altronde uno dei maestri di Gareth Campesinons è proprio Paul Heaton, autore con i suoi Housemartins dell’ormai classico “London 0 Hull 4”.

Così, guidati dai synth in una delle più intense break-up song che possiate incontrare in questo 2013 (“Glue Me”), è normale imbattersi in frasi del tipo “People laugh, they will call it folly/ but we connected like a Yeboah volley” e “I requested a room with a view, in the middle of a war between me and you/ And leave with all the dignity of missed Panenka penalty”. Che pensandoci su, sono due concetti piuttosto forti espressi attraverso due analogie leggere: il primo è simbolo della perfezione, mentre il secondo rappresenta una delle massime umiliazioni nel gioco del calcio, ovvero sbagliare un rigore “alla Panenka”, o come lo chiamiamo noi ora in Italia, il “cucchiaio”, reso celebre da Totti a Euro 2000.
E ancora la maledizione di Béla Guttman (nella luminosa “Let It Spill”) per impedire alle ex-fidanzate di avere rapporti con altri, o la rappresentazione dell’ultima disperata mossa “I’ve thrown my goalkeeper forward/ she’s catenaccio”, nel crescendo iniziale del brano d’apertura “For Flotsam”.

E’ un album di alti e bassi, di sbalzi pronti a sfruttare, all’occorrenza, un certo tipo di soluzioni elettroniche sghembe: non ci si lasci ingannare dal ritmo da arena-pop del singolo “What Death Leaves Behind Me”, c’è molto più colore e varietà di quel che sembra in questo lavoro. “No Blues” risplende infatti di un’insolita e inusuale luce, dove melodie particolarmente ariose si scontrano con liriche non propriamente ottimiste. La morte d’altronde è quasi una costante e non importa se in quel momento ti sei alzato in piedi e ti stai muovendo, trascinato dal ritmo: la voce di Gareth sarà lì a ricordartela: “Two words upon my headstone, please/ don't need date or name, just ‘Sad Story’” canta lapidario in “Cemetery Gaits”. Nemmeno i momenti più vitali e danzerecci vengono risparmiati: “Oh it won’t get better, that doesn’t mean it’s gonna get any worse” è il massimo della positività espressa nell’esplosiva “Avocado, Baby”, ricordo dei vecchi(?) tempi con un coro di cheerleader gallesi a fare da sparring partner.  

Dopo la dipartita di Aleksandra, “No Blues” è il primo disco che si trova a fare i conti anche con l’assenza di Ellen, altra componente storica del gruppo gallese. Eppure, se non stessimo parlando dei Los Campesinos!, non esiteremmo a definirlo come il disco della maturità. In realtà, sono solo cresciuti e noi con loro: non riempiranno mai un palazzetto, ma, esattamente come quella band che ascoltavate a ripetizione al liceo, difficilmente vi deluderanno.

(27/11/2013)



  • Tracklist
  1. For Flotsam
  2. What Death Leaves Behind
  3. A Portrait of the Trequartista as a Young Man
  4. Cemetery Gaits
  5. Glue Me
  6. As Lucerne/The Low
  7. Avocado, Baby
  8. Let It Spill
  9. The Time Before the Last Time
  10. Selling Rope (Swan Dive to Estuary)


Los Campesinos! su OndaRock
Recensioni

LOS CAMPESINOS!

Sick Scenes

(2017 - Wichita)
La band gallese torna dopo più di tre anni, sospesa tra emo e indie-rock

LOS CAMPESINOS!

Romance Is Boring

(2010 - Arts&Crafts)
La relativa maturità dei "contadini" gallesi, alla prova del terzo album

Los Campesinos! on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.