Melt Yourself Down

Melt Yourself Down

2013 (The Leaf Label) | p-funk, world-music, jazz afro-beat

Con musicisti provenienti da realtà più o meno note come Heliocentrics, Acoustic Ladyland, Zun Zun Egui o Transglobal Underground, i londinesi Melt Yourself Down stanno facendo parlare di sé grazie ad una potentissima formula sonora piantata nel bel mezzo di una scazzottata tra p-funk, world-music e afro-beat, con lisergiche staffilate di elettronica a completare un quadro fresco e convincente.

Il biglietto da visita, esagitato e marziale, sbilenco e lisergico come un trip di ritorno nella terra dei nostri antenati, è “Fix My Life!”, tra sax svirgolanti, poliritmi imbizzarriti e un’aria di festa senza fine che “Release”, di lì a poco, contribuisce a rinnovare con schizzi di Fela Kuti a go-go. Un disco che, tra le righe, sembra ripetere che, sì, in principio c’era il ritmo e Dio è stato di sicuro il primo ballerino. Sprazzi mediorientali tra epiche Contortions che spumeggiano echi dionisiaci (“Tuna”), ballabili solari & poppy (“We Are Enough”), danze del sole e bandismi sfrenati (“Kingdom Of Kush”), galoppi sincopati scuoticulo che s’incupiscono senza, comunque, dilapidare la ricchezza dell’abbandono fisico (“Mouth To Mouth”): ed è praticamente impossibile stare fermi un minuto, anche quando le cose si fanno più riflessive come in “Free Walk”.
E voi, cosa aspettate a lanciarvi nella mischia?

(02/07/2013)

  • Tracklist
  1. Fix My Life!
  2. Release
  3. Tuna
  4. We Are Enough
  5. Kingdom of Kush
  6. Free Walk
  7. Mouth to Mouth
  8. Camel

Melt Yourself Down su OndaRock
Recensioni

MELT YOURSELF DOWN

Last Evenings On Earth

(2016 - The Leaf Label)
L'energia a suon di world music del collettivo londinese

Melt Yourself Down on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.