Ofeliadorme

Bloodroot

2013 (The Prisoner) | alt-pop, rock

Nel 2011 i bolognesi Ofeliadorme debuttavano sulla lunga distanza con “All Harm Ends Here” (A Buzz Supreme), undici canzoni nelle quali era già chiara, nonché plasmata, la formula musicale del quartetto emiliano: un alt/pop-rock aristocratico declinato via via in molteplici direzioni, tra episodi che rimandavano all'indie, al dream-pop, al rock di derivazione wave. Seguivano il tributo ai Pink Floyd con la rivisitazione di “Bike” e una miriade di date tra l'Italia e l'Europa, fino alla chiamata del SXSW. 


Pubblicato a due anni esatti di distanza, “Bloodroot” ne diventa la naturale prosecuzione, tanto per l'aderenza del contenuto quanto per lo spessore della proposta. Le architetture sonore di Gianluca Modica, Michele Postpischl e Tato Izzia continuano a manipolare la forma-canzone, giocando di sottrazione per veicolare l'attenzione sulla duttile voce di Francesca Bono, le cui storie raccontano le svariate provenienze del gruppo, vere o metaforiche, musicali o meno, a seconda dell'occasione. Da qui il nome "Bloodroot", fiore ascrivibile alla famiglia delle Papaveracee utilizzato dagli Indiani d'America sia per dipingersi il volto in tempo di guerra, sia come medicinale e filtro d'amore; un fiore le cui radici, una volta tagliate, secernono un liquido rosso sangue. Effetti e metafore che la formazione felsinea cerca di tradurre in musica, riuscendovi.


Prodotto insieme a Bruno Germano – che insieme ad Angela Baraldi, Vittoria Burattini, Marcello Petruzzi e Alberto Poloni è ospite nel disco - e pubblicato dalla The Prisoner Records di Michele Bitossi (Numero6, Mezzala), “Bloodroot” racchiude, nell'arco di poco più di mezzora, nove canzoni crepuscolari e intense, riflessioni sul rapporto tra la vicinanza e il distacco (“Last Day First Day”, “Brussels”), sul confine tra il coraggio e l'auto-distruzione (“Ulysses”), sui soprusi dettati dalla diversità (“Bloodroot”).
La psichedelica ballata circolare “Magic Ring” sa di Bjork in preda a una crisi mistica, "Otherwise" conduce dritta sulle orme di Cat Power. Alla stregua di “I Like My Drums” nel lavoro precedente, l'up-tempo di “Stuttering Morning” rompe il filo della tensione trasformandosi in una cavalcata sospesa tra malinconia ed epicità.


E' il songwriting raffinato, abile a manipolare i propri istinti e convogliarli in uno stile atipico e riconoscibile, la vera forza degli Ofeliadorme. Un progetto affascinante, di cui sentiremo ancora parlare.

(20/03/2013)

  • Tracklist
  1. Last Day First Day
  2. Bloodroot
  3. Magic Ring
  4. Pumpkin Girl
  5. Brussels
  6. Ulysses
  7. Predictable
  8. Stuttering Morning
  9. Otherwise
Ofeliadorme su OndaRock
Recensioni

OFELIADORME

Secret Fires

(2017 - Ala Bianca / Warner)
Il progetto bolognese all'agognata prova della definitiva maturazione

Ofeliadorme on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.