Pere Ubu

Lady From Shanghai

2013 (Fire Records) | art-rock

Lo hanno definito "il disco dance dei Pere Ubu" e, naturalmente, la curiosità è stata fortemente solleticata da tale affermazione. Perché, lo sappiamo, quando c’è di mezzo la band guidata dall’orco buono David Thomas, le cose non sono mai esattamente come dovrebbero essere… E, infatti, di musica "dance" in senso stretto qui dentro c'è poco o nulla. Tutta la prima parte del disco, a cominciare dalla nevrosi minimalista su base sintetica di “Thanks”, rivela, al massimo, la dimensione del “ballabile” di Papà Ubu, una dimensione ampiamente indagata già alle origini della loro ultra-trentennale storia, ma diverte con una sorta di cover (più o meno autorizzata) della vecchia hit disco "Ring My Bell" di Anita Ward, in cui il verso del refrain viene sostituito con un brutale "you can go to hell".

In mezzo alla solita fioritura di disturbi elettronico-rumoristi, prendono consistenza sillabazioni oscure, battiti robotici su cui aleggia il fantasma di Edison (“Feuksley Ma'am, The Hearing” campiona la sua “versione” di “Mary Had A Little Lamb”), strambe declinazioni di una malinconia atavica (“Musicians Are Scum”) e lame di synth che squarciano penombre minacciose (“Another One (Oh Maybellene)”). A questo punto, la danza moderna non può fare a meno di mostrarsi in piena luce per quello che è e per quello che, in fondo, è sempre stata: la trasfigurazione di un cabaret assurdista, come suggeriscono, senza troppe astrazioni, gli oltre sette minuti in modalità ipnotico-androide di “Mandy”.

“Lady From Shanghai” fotografa una band ancora desiderosa di dire la sua, ma non riesce ad andare oltre una dignitosa affermazione di questo desiderio. Pertanto, questi cinquanta minuti scorrono in maniera piacevole, tra dissertazioni scontate, l’immancabile Capitano Cuordibue che fa una visita di cortesia regalando trote (“Lampshade Man”) e misteriose odissee spaziali (“And Then Nothing Happened”). E, mentre la tracklist va consumandosi, la percepisci la Bestia in affanno, la Bestia che abitava il sottosuolo di una delle più grandi band di sempre. E la riconosci, chiara e nitida, nella sua incapacità di azzannare e di scuoiarci vivi, tanto che anche i rumorismi in libertà di “The Carpenter Sun” fanno appena il solletico.

(14/01/2013)

  • Tracklist
  1. Thanks
  2. Free White
  3. Feuksley Ma'am, The Hearing
  4. Mandy
  5. And Then Nothing Happened
  6. Musicians Are Scum
  7. Another One (Oh Maybellene)
  8. Road Trip Of Bipasha Ahmed
  9. Lampshade Man
  10. 414 Seconds
  11. The Carpenter Sun



Pere Ubu su OndaRock
Recensioni

PERE UBU

Carnival Of Souls

(2014 - Fire Records)
La storica formazione americana ritorna con un disco ispirato al classico horror B-movie di Herk Harvey ..

PERE UBU

Long Live Père Ubu

(2009 - Cooking Vinyl)
La storica formazione americana dedica un'opera rock all'"Ubu Roi" di Jarry

PERE UBU

Why I Hate Women

(2006 - Smog Veil)

PERE UBU

Modern Dance

(1978 - Blank)
Il capolavoro della rivoluzionaria band di Cleveland

Pere Ubu on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.