Public Service Broadcasting

Inform - Educate - Entertain

2013 (Test Card Recordings) | collage-rock, experimental

Quando due si mettono con il piglio di capire dal passato per meglio comprendere il presente, ecco si ha l'impressione che, forse, la lettura dei libri di storia non sia stata poi un’attività così inutile come qualche benpensante d’ogni epoca suggerisce. Anche quando i due si chiamano J. Willgoose, Esq. l’uno e Wrigglesworth l’altro, che insieme fanno i Public Service Broadcasting, ecco anche in quel caso pensi che gli insegnamenti che la breve storia della musica moderna ha dato siano importanti. Perché la coppia di base londinese attinge dal passato per informare il presente, parla un linguaggio documentaristico per educare a comprendere l’intorno odierno e, infine, costruisce un sound che spazia dal rock sperimentale all’elettronica, dal post-rock all’alt-pop.
Tutto questo è concentrato in “Inform – Educate – Entertain”, l’esordio per il duo d’oltremanica che propone in abbinato uno show-case che fonde – come è facile intuire – musica e immagine, strumenti musicali e televisori d'annata; J. Willgoose, Esq. è alla chitarra, basso, banjo, banjolele, mandola, sampling, tastiere e percussioni, scrive e pensa le basi musicali che rispondono prontamente alle parole tratte dai "filmini" del passato: dall’inizio delle trasmissioni radio televisive Uk dei 40, ai più tardi documentari sulle imponenti scalate dell’Everest nei 50; la controparte, Wrigglesworth, è alla batteria e al sassofono contralto, innesca il movimento dietro le quinte come una fondamentale ma silenziosa presenza.

Il documento è costruito con cura certosina; di certo la questione che più ammalia è la capacità di costruire l'intreccio giusto, il botta e risposta tra sample e intorno musicale: quando il singolo "Signal 30" muove, ci ritroviamo circondati in una specie di futuro prossimo, in un "1984" orwelliano in cui compaiono Fugazi e Muse a dettare imperativamente legge; sulla stessa linea il tributo all'aviazione britannica, in "Spitfire", dove ritmi downtempo di elettronica sezionano lo snello aeromobile disegnato dall'ingegnere areonautico di sua Maestà la Regina, quel R.J. Mitchell che lo ideò per contrattaccare i pesanti velivoli della Luftwaffe. 

"Imparare dal passato, suonandolo nella musica del futuro", questo l'inno adottato dai PSB. E chi meglio di Mike Oldfield con il suo capolavoro "Tubular Bells" poteva fungere da maestro, da ingegnere delle sovraincisioni che ritroviamo perfettamente bilanciate nell'assaggio di colori di "ROYGBIV", nella mandola che abbraccia il banjo in "Theme From PSB", oppure nell'introduzione scandita in scolastica maniera dalla rimbalzante cowbell di "Inform - Educate - Entertain".
I vapori opachi che si muovono al di là di ciò che sia rock o pop li scoviamo con i Mogwai di "Night Mail" o nella circolarità delle chitarre e tastiere alla Mùm in "Lit Up"; e anche un accenno pieno agli 80 - di caratura certamente inferiore - si mostra con la princeiana "The Now Generation".
Il salto qualitativo lo si compie però in chiusura quando "Everest", una delle più belle immagini sonore scritte nel recente, trasmette fluentemente la scalata dell'impossibile, il traguardo composto da fiere di fiati, arpeggi melodiosi di tastiera e chitarra e dal continuo faticare del basso, fino a quando la discesa è compiuta e un degno finale è visibile all'orizzonte: "Late Night Final" è un inquietante dimostrazione prog di elevate capacità tecnico-artistiche, di dedizione e cura dei particolari, di acciacchi sui piatti e di un sax contralto che permette di rimirare una nave chi si muove lenta verso il confine tra il cielo e il mare.

I PSB mostrano doti artistico-concettuali notevoli in questo primo lavoro di lungo ascolto, proponendosi insieme agli scozzesi Django Django come uno dei gruppi rivelazione sulla scena del rock sperimentale e strumentale, concependo un'idea di collage-rock estendibile ad altri canali di comunicazione, che non percorrano solamente il filone cinematografico.

(11/06/2013)



  • Tracklist
  1. Inform - Educate - Entertain
  2. Spitfire
  3. Theme From PSB
  4. Signal 30
  5. Night Mail
  6. QOMOLANGMA
  7. ROYGBIV
  8. The Now Generation
  9. Lit up
  10. Everest
  11. Late Night Final




Public Service Broadcasting su OndaRock
Recensioni

PUBLIC SERVICE BROADCASTING

The Race For Space

(2015 - Test Card)
Il secondo album del duo inglese è un concept sulla conquista dello spazio

Public Service Broadcasting on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.