Soviet Soviet

Fate

2013 (Felte) | post-punk

In quel di Pesaro, negli ultimi anni, c'è stato un notevole fermento in ambito indie: volendo limitarsi ai soli territori della wave e affini, vanno citati senza dubbio i Be Forest, i Damien (e il side-project Death In Plains), i General Decay, il dream-pop di Young Wrists (quelli di Maria Antonietta) e Brothers In Law e, ovviamente, il post-punk dei Soviet Soviet.
I Soviet Soviet che, dalla formazione (2008) ad oggi, hanno fatto un sacco di strada: la prima volta li ho visti suonare in un club underground milanese (al Ligera con i Frank Just Frank), poi li ho rivisti sull'elettrizzante palco del Drop Dead Festival di Berlino, e più avanti ancora li ho incontrati ai Magazzini Generali di Milano: aprivano per gli Horrors in sostituzione dei defezionari S.C.U.M.. C'è anche un recente tour statunitense che ha toccato East e West Coast nel loro curriculum, e qualche settimana fa si sono esibiti su un palco ancora più grande, come opening-act per i Pil di John Lydon.
 
Un simile successo non può essere frutto del solo caso o di azzeccate manovre di marketing: alla base di tutto c'è senz'altro la concretezza della loro musica, un solido e veloce post-punk. "Veloce": ecco, se dovessi scegliere un solo aggettivo per descrivere il sound dei pesaresi direi proprio "veloce"; il loro però non è uno scatto atletico, bensì il guizzo dell'emozione che dura un attimo ("Gone Fast"), il ricordo fugace, vera e propria madeleine, che trafigge mente e cuore all'unisono.
Con questo "Fate" la palette dei Soviet Soviet vira decisamente verso il nero, seguendo una formula i cui ingredienti sono noti: le melodie dei Joy Division, le atmosfere umbratili dei Cure più dark, un tocco di shoegaze e un cantante malinconico il cui timbro ricorda a tratti quello di Brian Molko; una trama intrecciata da chitarre perennemente in fuga e ritmi pulsanti ("1990", "Something You Can't Forget"), un trip introspettivo accompagnato dalla voce di Andrea Giometti, che suona distante e al tempo stesso vicina, con effetto straniante ma magnetico.
 
Un gruppo partito con il piede giusto (lo split con i citati Frank Just Frank su Mannequin Records, i primi Ep) e che ha proseguito "affinando" le proprie armi (l'interessante mini-album "Summer, Jesus", pubblicato sempre dall'etichetta capitolina nel 2012). Questo full-length possiede il fascino di una precoce maturità, di una gioventù inquieta, unica depositaria di certi umori; se la Scandinavia quest'anno ci ha consegnato le "opere seconde" di Iceage e Holograms, lo stivale (di questi tempi l'espressione "Bel Paese" mi sembra fuori luogo) risponde con i turbamenti dei tre Soviet Soviet contenuti nell'ottimo "Fate".

(19/12/2013)



  • Tracklist
  1. Ecstasy
  2. 1990
  3. Introspective Trip
  4. Further 
  5. Gone Fast
  6. No Lesson 
  7. Together 
  8. Hidden 
  9. Something You Can't Forget
  10. Around Here
Soviet Soviet su OndaRock
Recensioni

SOVIET SOVIET

Endless

(2016 - Black Candy)
Un ampliamento del ventaglio stilistico nel secondo album dei trio pesarese

Soviet Soviet on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.