Steve Roach

At The Edge Of Everything

2013 (Timeroom) | ambient-trance, tribal-ambient

A Steve Roach certi titoli ridondanti e ambiziosi sono sempre piaciuti parecchio. Sarà che nella sua ormai pluritrentennale carriera, il magnate californiano dell'ambient music ha a ben vedere sempre scelto soggetti imponenti e complessi da rappresentare, riuscendo con le sue variegate interpretazioni a inscenarli nei minimi dettagli evitando quasi sempre il ricorso a tecniche eccessivamente cinematografiche. Ma a conti fatti l'unico precedente ambizioso al pari di una ricerca sulla “fonte del tutto” era stato quello sulla “fonte del mondo”: “World's Edge”, anno 1992, ovvero la risposta altisonante a chi diceva che sarebbe stato impossibile, per lui, andare oltre lo scossone totalitario del capolavoro “Dreamtime Return”.

Non è dato a sapere se “At The Edge Of Everything” nasca effettivamente tenendosi dietro il medesimo bagaglio ispirativo raccolto vent'anni or sono, ma di sicuro il soundworld affrontato è totalmente diverso. Ad allontanare l'ultimo parto del 2013 di Roach da uno dei pezzi storici della sua discografia è anche l'intero progetto: qui siamo di fronte alla registrazione di un'esibizione dal vivo corrispondente a una delle poche occasioni in cui il californiano ha accettato di portare il suo armamentario in Europa e per la precisione all'E-Live Festival di Ehindoven. E ad ascoltare i suoni proposti nell'ora e mezza della stessa non è difficile altresì collocare la stessa in quel periodo in cui a dominare nella sua produzione era l'entusiasmo per i suoni ambient-trance di produzione propria.

Uno sguardo alle note di copertina e l'impressione viene confermata, essendo il concerto datato 2000 e dunque nel contesto del tour di “Light Fantastic”, il capostipite assieme a “Body Electric” del periodo trancedelico di Roach, contemporaneo alla lavorazione al fianco di Jorge Reyes dell'altalenante “Vine ~ Bark & Spore”. Proprio da quest'ultimo provengono con tutta probabilità le influenze tribal che si sommano al suono, definendo così i confini delineati fin dal principio nel quarto d'ora aspro di percussioni viscerali e digeridoo di “The Edge Opens”, un autentico potenziale outtake del capolavoro dell'anno precedente. Come tutte o quasi le esibizioni di Roach, la costruzione è quella di un viaggio immersivo, che procede dopo l'ingresso nella malsana anticamera di “Serpents Rebirth”, autocontemplazione prolungata per dieci, interminabili minuti.

Sono proprio le scelte di tempo a impedire al complesso e, al solito, variegatissimo e suggestivo serpentone di muoversi senza inciampare: “Hyperpassage” attacca poco dopo a giocare con arpeggiatori e filtri analogici e bisogna aspettare metà pezzo perché le più classiche distese soniche del californiano diano colore a un gelo macchinale che poco si addice al soundscape. Decisamente più riusciti il quarto d'ora “classico” di “Cloudwatching With The Trancemaker”, lungo tappeto brulicante di trancedelia in ebollizione, e il tribalismo alieno concentrato nella breve “Crossroads Of Three”. Il tuffo nel passato cosmico di “Apparition Celebration” è però un cambio di tendaggio forzato, riscattato appieno nel tocco di classe della chiusura di “Refractions Of Remembering”, approdo presso quel deserto che è terreno eternamente fertile per Roach.
Esperienza live al solito impeccabile, ma a livello musicale - complice anche un'eccessiva varietà stilistica - stavolta la perfezione è ben lontana.

(08/03/2014)

  • Tracklist
  1. The Edge Opens
  2. Serpents Rebirth
  3. Hyperpassage
  4. Cloudwatching With The Trancemaker
  5. Crossroads Of Three
  6. Apparition Collaboration
  7. Refractions Of Remembering
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.