Steve Roach

Future Flows

2013 (Projekt) | ambient

L'instancabile maestro dell'ambient music Steve Roach torna con cadenza annuale a rifornire della propria musica il catalogo Projekt. Fissatosi ormai da un paio d'anni a questa parte sulla cifra dei due album solisti all'anno – generalmente uno per l'etichetta di Sam Rosenthal e uno per la sua Timeroom – collaborazioni e live esclusi, il musicista californiano pare aver fatto coincidere una netta riduzione di prolificità a un aumento deciso della qualità media dei suoi lavori, tanto che i più recenti possono annoverarsi quasi tutti tra i più riusciti della sua carriera.

Dopo i due gioielli con cui aveva segnato l'inizio di questo 2013 – l'ipnotica collaborazione con il fido Byron Metcalf per “Tales From The Ultra Tribe” e l'ermetico e notturno “Soul Tones” - Roach sigla in questo nuovo “Future Flows” una sorta di collage di gran parte delle sue esperienze più incontaminate, in un'operazione che ricorda molto da vicino quanto fatto nel 2007 con “Arc Of Passion”. Ci sono l'ormai immancabile purezza cosmica di “The Magnificent Void”, il melodismo camaleontico, i droni scorrevoli, le sequenze analogiche di “Sigh Of Ages” e i climi plumbei di dello stesso “Soul Tones”.

Il risultato è un album che finisce per autocitarsi più del solito, senza per questo far mancare l'ormai usuale, elevatissima qualità. Il sogno cosmico dell'iniziale “An Omnipresent Sense Prevails” e l'oscuro affresco spaziale di “Rapt In Night” non fanno dunque mancare più d'un inchino ai conterranei Michael Stearns e Michael Amerlan, segnando l'ennesima intersezione fra loro fondamentali linguaggi sonori.
L'atarassia sovrana in “Spectrum Of Change” e il candore livido di “Heart Of Light” toccano invece territori di stampo più squisitamente drone, pronti ad assumere connotati più colorati fra i richiami sussurrati di “Air Meditation” e le sentinelle in coro della conclusiva “Regeneration Revelation”. A completare il quadro i due lunghi tappeti di saliscendi analogici di “The Texture Of Remembering” e, soprattutto, “The Future Flows From Here”, che cercano con nostalgia i tempi del mai abbastanza considerato “World's Edge”.

“Future Flows” è probabilmente il disco più interlocutorio e variegato dello Steve Roach degli ultimi anni, ma non per questo un lavoro che smentisca lo stato di forma smagliante che sembra averlo pervaso negli ultimi cinque anni. Inanellando l'ennesimo episodio positivo – anche se questa volta non così vicino all'eccellenza – il californiano aggiunge l'ennesimo tassello alla sua immagine di dominatore incontrastato dell'ambient music. Un trono che si fa ogni disco più alto e più difficile, per chiunque, anche solo da avvicinare.

(08/07/2013)

  • Tracklist
  1. An Omnipresent Sense Prevails
  2. Spectrum Of Change
  3. Air Meditation
  4. The Texture Of Remembering
  5. Rapt In Night
  6. Heart Of Light
  7. The Future Flows From Here
  8. Regeneration Revelation
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.