Steve Roach

Soul Tones

2013 (Timeroom) | ambient

Nel corso della sua ormai pluri-trentennale carriera, Steve Roach ha condotto la sua ricerca ambientale verso una miriade di territori. Dopo la fase etnica degli anni ottanta, i tribali dei primi novanta, l'atarassia cosmico-spaziale di fine millennio e l'ambient-trance dei primi Duemila, negli ultimi dieci anni il californiano ha equamente diviso la sua produzione, dedicandosi ora ad una ora ad un'altra delle sue sfumature creative. Il risultato di questa pratica si è concretizzato nell'esplosione creativa che ha caratterizzato la sua produzione a cavallo tra 2002 e 2009, lievemente affievolitasi negli ultimi tre anni.

Gli ultimi bollettini musicali di Roach avevano lasciato intuire la decisione di “ridurre” la propria prolificità (comunque stabile sui due-tre dischi all'anno fra solos e collaborazioni) in favore di una maggiore cura del dettaglio. E i risultati hanno potuto confermare la bontà di tale scelta: il flirt con la moderna drone di “Back To Life”, l'inatteso intimismo acustico al fianco di Dirk Serries in “Low Volume Music” e l'ipnosi caustica del più recente “Tales From The Ultra Tribe” possono annoverarsi fra le prove più riuscite dei suoi anni Duemila.

Questo nuovo “Soul Tones” torna a mettere l'accento su quella che è l'arte di cui il californiano resta a tutt'oggi sovrano incontrastato: l'ambient music pura, di stampo cosmico. Quella stessa che aveva visto il suo baricentro storico nel 1996 nell'insuperato capolavoro “The Magnificent Void”, e che aveva vissuto un'iniezione di nuova linfa vitale grazie alla serie multimediale delle “Immersions” - apice della produzione contemporanea di Roach tutta. S

Sono due suite a comporre per intero l'album: la title track e “Resolved”. Nei tre quarti d'ora della prima, le ormai classiche sinewaves di Roach si producono in un dialogo soffice che mancava dai tempi di “Afterlight”, legandosi e slegandosi progressivamente al silenzio, immergendosi in un oceano profondo per riemergere a intermittenza. I suoni si fanno più organici nella mezz'ora scarsa della seconda, dove l'intreccio dei flussi diviene più corposo e stretto, quasi a voler rappresentare il raggiungimento dell'equilibrio ricercato in precedenza.

Annunciato come primo capitolo di un'ipotetica trilogia sull'esplorazione dell'anima – legata nel sound e nel concept, ma non presentata come “saga”, come furono “Mystic Chords & Sacred Spaces” o le già citate “Immersions”-“Soul Tones”, ci presenta uno Steve Roach in forma smagliante, intento nel fornire l'ennesima lezione di ambient music. Inutile ribadire la supremazia di un musicista che si conferma apparentemente incapace di smarrire la sua creatività, nonostante lo sfrenato sfruttamento della stessa di cui si è reso protagonista per un intero decennio.
Immortale, come la sua musica.

(31/01/2013)

  • Tracklist
  1. Soul Tones
  2. Resolved
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.